​Cristina Chiabotto indebitata col fisco: deve 2,5 milioni all’Agenzia delle Entrate.

A soli due mese dalle nozze col fidanzato manager Marco Roscio, l’ex miss Italia Cristina Chiabotto potrebbe essere di nuovo incinta. I due si sono sposati lo scorso 21 settembre nella chiesa di Sant’Uberto, a Veneria, in provincia di Torino. Dopo essersi sposati Cristina e Marco, che fanno coppia da circa due anni, sono partiti per Formentera e dal momento del loro ritorno rimbalza la notizia che vuole la Chiabotto in stato interessante in attesa del suo primo figlio. L’ex miss oggi showgirl è stata fotografata da “Diva e donna” mentre trascorre qualche giorno di vacanza a Roma assieme al neo sposo e, come nota la rivista, dal sotto la giacca di Cristina, impegnata a sistemarsi i capelli, spunta un pancino sospetto.

Nonostante il periodo felice nella vita privata, la Chiabotto ha riscontrato una pesante situazione debitoria col fisco. Di fatti,  ha costretto l’ex Miss Italia Cristina Chiabotto a presentare l’avvio di una procedura di liquidazione, prevista dalla legge 3 del 2012, la cosiddetta legge Salva-suicidi. Il giudice Matteo Buffoni del tribunale di Ivrea ha accolto l’istanza della showgirl, già conduttrice di numerose trasmissioni televisive. Nel decreto del giudice si legge che la posizione debitoria della Chiabotto si è manifestata «in modo prorompente» già nel 2014, in conseguenza di verifiche effettuate dalla Guardia di Finanza di Torino in relazione al periodo 2008-2013.

All’esito di quelle verifiche è stato «accertato un comportamento elusivo (non fraudolento) e di conseguenza ripreso a tassazione un reddito superiore rispetto a quello dichiarato». Le cartelle di pagamento emesse dall’Agenzia delle entrate, che si sono sommate a quelle relative al mancato versamento delle imposte degli anni 2014 e 2015, ha fatto lievitare il debito oltre i 2,5 milioni di euro. Tanto da costringere l’ex miss Italia a chiedere l’avvio della procedura di liquidazione prevista dalla legge ‘salva-suicidi’, varata nel 2012 per tutelare piccoli imprenditori e liberi professionisti in difficoltà.

In questo caso la Chiabotto vi ha potuto accedere, come scrive il giudice del tribunale di Ivrea, in quanto «non ha posto in essere atti in frode ai creditori» e in qualità di «lavoratrice autonoma nel campo dello spettacolo» che ha incassato dalla sua attività un reddito netto «quantificabile per l’anno 2019 di euro 253mila, in ragione della media dei redditi percepiti nei quattro anni precedenti e dei contratti in essere». Per sanare la propria posizione la soubrette venderà i negozi di cui è proprietaria insieme alla sorella (che ha dato l’assenso alla cessione degli immobili) e verserà ogni anno una parte della propria liquidità disponibile. Nella documentazione al vaglio del tribunale non è fatta menzione del recente matrimonio della Chiabotto con il noto imprenditore Marco Roscio, celebrato lo scorso 21 settembre a Venaria Reale.

Previous Conte: "Il governo è saldo, lunedì spazziamo via le chiacchiere"
Next Ben-essere al posto del pil, a Napoli confronto con M.Green Pittella

L'autore

Può piacerti anche

Cultura

Coronavirus, la Regina Elisabetta parla alla Nazione: è la quinta volta in 68 anni di regno

Il Regno Unito fa i conti con la pandemia. Oltremanica il coronavirus ha causato oltre 3mila morti e contagiato più di 33mila persone tra cui il premier Boris Johnson e il principe Carlo. L’impennata, con

Cultura

MENEVAVO FESTIVAL :ARRIVA LO SPETTACOLO “DUE PENELOPE-ULISSE “

Uno spettacolo teatrale che, come da titolo, fa perno sul protagonista dell’Odissea e sulla figura della sua sposa, in attesa del suo lungo ritorno da Troia ad Itaca. «“DuePenelopeUlisse” (una produzione Ente

Cultura

Cipriano: «Avellino ha smarrito il gusto estetico, mi impegno a recuperare la bellezza»

Avellino riscopre nella settimana del Natale che “fare cultura” ad alti livelli in città è possibile, che le competenze e le professionalità ci sono, così come ci sono giovani che

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi