13 GENNAIO : DAL NAUFRAGIO DELLA NAVE CONCORDIA , PASSANDO PER IL RITIRO DI MICHAEL JORDAN , FINO AD ARRIVARE ALLA VITTORIA DEL NAPOLI SUL BOLOGNA DEL 1974

Il  13 Gennaio è una data ricca di avvenimenti  storici , politici , culturali ed anche sportivi, che hanno caratterizzato e resa importante questa giornata. Tra gli avvenimenti storici di maggior rilievo ricordiamo sicuramente il naufragio della nave Concordia .Data al 9 luglio 2006 la prima crociera della Costa Concordia, gioiello tecnologico (290 m di lunghezza per 114 mila tonnellate di stazza) e vanto della compagnia italo americana Costa Crociere, battezzata dalla famosa modella Eva Herzigova nel porto di Civitavecchia e il cui nome rimanda all’unità e alla pace fra le nazioni europee (per questo i suoi tredici ponti sono intitolati ad altrettanti Stati del Vecchio continente). Dallo stesso porto laziale, alle 19 di venerdì 13 gennaio, parte la crociera low cost “Il profumo degli agrumi” con direzione Savona. Per i 3.216 passeggeri (989 di nazionalità italiana) cominciano sette giorni di relax e divertimento, toccando splendide località del Mediterraneo tra Italia, Francia e Spagna. A guidarli in questa vacanza c’è un equipaggio di 1.013 elementi agli ordini del comandante Francesco Schettino, 52enne originario della penisola sorrentina.  Un’ora dopo la partenza quest’ultimo lascia il comando al primo ufficiale Ciro Ambrosio, con l’ordine di avvertirlo a sei miglia dall’Isola del Giglio. La navigazione procede regolare, mentre giù, nelle sale ristorante, si consuma la cena. Tra i commensali c’è anche lo stesso Schettino in compagnia di Domnica Cermotan, 25enne moldava ed ex ballerina della Costa. Alle 21,30 la nave si approssima a fronteggiare la costa del Giglio e il comandante risale in plancia per realizzare un qualcosa che ha in mente dall’inizio del viaggio: la manovra dell’inchino. Si tratta di una prassi consolidata (anche se ufficialmente non riconosciuta) tra i capitani delle navi crociera, che prevede il passaggio sottocosta per salutare con luci e segnali acustici gli abitanti del posto. In questo caso, la dedica è personale ed è rivolta a Mario Palomo, comandante in pensione che Schettino chiama al telefono proprio in quel frangente. Nemmeno un quarto d’ora dopo, la Concordia impatta violentemente con la fiancata sinistra contro uno scoglio che sventra la pancia della nave, aprendo una ferita lunga 75 m e larga 2. L’urto provoca un boato allarmando i passeggeri. La paura si trasforma in panico quando pochi istanti dopo la motonave compie una sorta di testa coda e si incaglia a mezzo miglio dalla costa. Nei locali è un inferno di tavoli e mobili che si rovesciano, con la gente, ignara dell’accaduto, che scappa in tutte le direzioni.  L’equipaggio predica la calma parlando di guasto tecnico ma quando il primo ufficiale Giovanni Iaccarino scende in sala macchine e trova l’area completamente invasa dall’acqua, intuisce che non resta più tanto tempo per agire. Alle 22, mentre la nave cala nel buio più totale, partono le prime chiamate dei passeggeri verso i parenti che a loro volta allertano Carabinieri e Capitaneria di Livorno. Inizia una fase convulsa di telefonate tra quest’ultima e Schettino, che solo alle 22.26 ammette l’esistenza di «una via d’acqua», assicurando che non ci sono morti e feriti da segnalare.  La capitaneria non si fida e fa partire i soccorsi. A questo punto scatta una sorta di ammutinamento tra gli ufficiali, che affidano il comando a Roberto Bosio. È lui a dare il segnale di evacuazione immediata poco prima delle 23, al cui suono la gente si fa prendere dal panico accalcandosi sulle scialuppe tra urla e pianti. Attimi fatali per due turisti francesi e un marinaio che precipitano in mare, morendo annegati e per assideramento. Sono le prime tre vittime di questa assurda tragedia. Intorno alla mezzanotte, con la nave riversa in acqua sul fianco destro, testimoni notano Schettino su uno scoglio vicino alla Concordia, mentre le operazioni di evacuazione sono ancora in corso. Il sospetto che abbia abbandonato la nave per mettersi in salvo, mette in allarme il comandante della capitaneria di porto di Livorno Gregorio De Falco, che lo raggiunge telefonicamente. Tra i due intercorrono tre chiamate dai toni concitati che, diffuse successivamente dai media, alimentano i sospetti sulla condotta poco ortodossa di Schettino.Alle 4,46 si concludono le operazioni di salvataggio dei passeggeri, ma all’appello mancano 27 persone oltre alle tre vittime già accertate; i loro corpi vengono recuperati nei mesi successivi portando il bilancio complessivo a 32 morti. All’indomani del naufragio parte la caccia ai responsabili. In cima all’elenco c’è ovviamente Schettino, per il quale scatta l’arresto con le accuse di omicidio plurimo colposo, naufragio e abbandono di nave (per una pena massima di 15 anni di carcere). Al vaglio degli inquirenti c’è la mancata segnalazione del mayday (richiesta di soccorso) e il passaggio troppo ravvicinato alla costa del Giglio. Statistiche alla mano, la Concordia risulta la nave passeggeri di maggior tonnellaggio mai naufragata. Ciò spiega le difficili operazioni di recupero del relitto, iniziate il 29 maggio 2013 e giunte a una svolta nel settembre dello stesso anno con il completamento della rotazione.   Questa data ricorda anche la nascita di personaggi importanti come Marco Pantani . Nato a Cesena (Emilia-Romagna) e morto a Rimini nel febbraio 2004, è stato un ciclista su strada, noto anche al grande pubblico. Il pirata (soprannome dovuto all’uso della bandana) è stato un grande scalatore, ha vinto la medaglia di bronzo ai Mondiali in linea del 1995, un Giro d’Italia e un Tour de France nello stesso anno (il 1998, come lui solo Fausto Coppi, Jacques Anquetil, Eddy Merckx, Bernard Hinault, Stephen Roche e Miguel Indurain). La sua carriera, con 46 vittorie, e la sua vita sono state, però, segnate dall’uso di sostanze dopanti e stupefacenti e da uno stato depressivo. Un arresto cardiaco nel 2004 l’ha fermato per sempre. Dal 2004, per ricordare a tutti gli appassionati delle due ruote il grande campione, il Giro d’Italia ha assegnato alla più significativa salita il titolo Montagna Pantani, riconoscimento concesso solo al mitico Fausto Coppi con la “Cima Coppi”, ovvero il passo più alto del percorso del Giro. Altro avvenimento sportivo di grande rilievo fu sicuramente il ritiro di Michael Jordan ,avvenuto nel 1999.       A quasi 36 anni Michael Jordan dei Chicago Bulls, un mito dell’NBA, annuncia il secondo ritiro dalla pallacanestro (il primo, per due stagioni, era stato nel 1993 per una depressione dopo la morte del padre). Quasi due metri di classe e talento, anche fuori dal parquet, hanno lasciato un segno indelebile nella storia di questo sport e non solo; basti pensare ai sei titoli NBA e ai due ori olimpici (1984 e 1992). Nel 2001, però, tornerà a giocare per altre due stagioni prima del definitivo addio. Infine , altro momento da rimarcare , soprattutto per i tifosi del Napoli , è sicuramente la vittoria contro il Bologna nel 1974.  Il Napoli di Vinicio chiuse il torneo con uno splendido secondo posto alle spalle della Juventus che fu, comunque, battuta al San Paolo per 2-0 alla seconda giornata. Il 2-0 al Bologna con una doppietta di Sergio Clerici che è il bomber che vanta una delle migliori medie realizzative nella storia del Napoli. Il brasiliano ha segnato 32 gol nelle sue 66 presenze in maglia azzurra: 29 nelle 57 partite di serie A, 2 nelle 4 di coppa Italia ed un gol nelle 5 presenze in Europa.

 

Previous Napoletani contro Apple: se scrivi Vesuvio il suggerimento è ‘lavali col fuoco’
Next WORK IN PROGRESS PER I LIMONI PROCIDANI DELL'AMICIZIA A CURA DI AFRICA MISSION

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

Green economy e risparmio energetico: il primato italiano

Probabilmente nessuno si aspettava che l’Italia potesse superare la Germania, anche se in un settore da molti sottovalutato e ritenuto poco importante ma che, invece, la sua importanza ce l’ha

Approfondimenti

Quale ruolo per le imprese agricole nell’agricoltura sociale ?

L’agricoltura sociale comprende una pluralità di esperienze, non riconducibili ad un unico modello organizzativo, accomunate dalla caratteristica di integrare, nell’attività agricola, esperienze di carattere socio-sanitario, educativo, formativo e di inserimento

Approfondimenti

TOSSICODIPENDENZA: DALLA DIPENDENZA DELLA DROGA AI PUÓ GUARIRE. ALLO STUDIO UN IMPIANTO DI FARMACO SOTTOPELLE CHE POTREBBE AIUTARE I TOSSICODIPENDENTI DA OPPIACEI, CON UN TRATTAMENTO INDOLORE

I numeri continuano a salire per coloro che abusano di oppiacei.Secondo alcune statistiche, almeno 36 milioni di persone al mondo sono dipendenti da eroina, morfina e farmaci derivati da oppiacei,

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi