16 GENNAIO : DAL PRIMO ROMANZO DI DON CHISCIOTTE FINO ALLA VITTORIA DEL NAPOLI CONTRO IL BOLOGNA NEL 1977

Il 16 Gennaio è una data ricca di avvenimenti  storici , politici , culturali ed anche sportivi, che hanno caratterizzato e resa importante questa giornata. Tra gli avvenimenti storici di maggior rilievo ricordiamo la pubblicazione del “El Ingenioso hidalgo don Chisciotte de la Mancha”, titolo in lingua originale del popolare romanzo Don Chisciotte, che lo scrittore spagnolo Miguel de Cervantes pubblicò in due parti tra il 1605 e il 1615. Tratto, come indica lo stesso autore, dal manoscritto arabo di uno sconosciuto scrittore, tale Cide Hamete Benengeli (assai probabile che si tratti di un escamotage narrativo, utilizzato in altre opere celebri come I promessi sposi di Manzoni e il più recente Il nome della rosa di Eco), il volume ruota attorno al personaggio di Alonso Quijano, 50enne nobiluomo di campagna, che, preso dal suo amore sviscerato per la letteratura cavalleresca, si lancia in folli avventure smarrendo completamente il senso della realtà. Dotatosi dell’armatura dei suoi avi, assume il nome di battaglia di Don Chisciotte. In questa messinscena coinvolge persone e cose che fanno parte della sua vita: per cui il suo magrissimo cavallo diventa il destriero Ronzinante, mentre due contadini del luogo sono promossi, l’una a sua nobile dama (con il nome di Dulcinea del Toboso), l’altro, Sancho Panza, a suo fido scudiero. Con quest’ultimo fa coppia fissa nei suoi tragicomici viaggi, nell’est della Spagna. Ultimato il romanzo nel 1604, Cervantes ne cedette i diritti all’editore-libraio Francisco de Robles di Madrid, che ne terminò la stampa a dicembre e lo pubblicò il 16 gennaio dell’anno successivo. I lettori ne furono entusiasti e le prime copie andarono esaurite in breve tempo, spingendo l’editore a ripresentarlo in nuove edizioni, anche al di fuori della Spagna. In Italia fu tradotto da un libraio di Milano nel 1610 e a questa seguirono decine di altre traduzioni, che lo resero popolare in tutto il mondo.  Il boom di vendite da un lato e il pullulare di tentativi di plagio dall’altro, spinsero Cervantes a lavorare a una seconda parte della storia, che vide la luce nel 1615. Distintosi per la modernità dello stile (in cui convivono più esperienze letterarie, dal romanzo cortese a quello picaresco, passando per la letteratura pastorale) e della struttura narrativa, in netto anticipo sui tempi, Don Chisciotte influenzò gran parte della letteratura successiva conservando il suo fascino in ogni epoca. Insieme con Sancho Panza, il nobiluomo della Mancha forma una delle più riuscite coppie della letteratura di sempre, inesauribile fonte d’ispirazione per scrittori di ieri e di oggi. Allo stesso modo resta intramontabile l’episodio della battaglia contro i mulini a vento (scambiati per dei giganti), metafora universale di una lotta impari contro nemici che ignorano di esserlo o che esistono soltanto nell’immaginario di chi li combatte. Apprezzato dalla critica contemporanea come il primo romanzo moderno della letteratura occidentale, Don Chisciotte fu riconosciuto come “la più grande opera letteraria mai stata scritta” dalla World Library 2002, una lista dei 100 libri migliori stilata sui giudizi di 100 scrittori di 54 paesi diversi. Questa data ricorda anche la nascita di personaggi importanti  come Vittorio Alfieri e Kate Moss . Figura di primo piano dell’illuminismo italiano, con il suo spirito inquieto e avverso ad ogni forma di tirannia , Vittorio Alfieri  fu un precursore del Romanticismo e un mirabile esempio per numerosi letterati, su tutti Ugo Foscolo. Nato ad Asti e morto a Firenze nel 1803, Alfieri visse un’intensa attività letteraria alternando l’attività di drammaturgo a quella di poeta e trattatista politico. Autore di ventidue tragedie (compresa “Cleopatra”, che poi fu ripudiata dall’autore stesso) in endecasillabi sciolti (seguendo il concetto di unità aristotelica), scrisse, tra le altre, 17 satire, sei commedie, cinque prose politiche e una raccolta di Rime. Ardente sostenitore della libertà ideale, si pose sempre contro la tirannide e contro tutto ciò che impedisce la realizzazione totale di sé ed ostacola l’agire per l’affermazione di sé. Altro personaggio di grande rilievo soprattutto in ambito televisivo e nell’attività di modella è Kate Moss. Nata a Croydon (a sud di Londra), a dispetto della non considerevole altezza (un metro e settantadue) è un’icona della moda. Molti tra i più importanti stilisti l’hanno scelta come testimonial, da Calvin Klein a Gucci, da Dolce & Gabbana a Louis Vuitton, da Versace a Dior. Dichiarata, più volte, dalla rivista Forbes “seconda modella di maggior successo al mondo”, è stata inserita dal “Consiglio degli stilisti d’America” nella lista delle donne meglio vestite nel mondo. In ambito sportivo , da segnare è la vittoria del Napoli contro il Bologna nel 1977 grazie alla rete di Savoldi al minuto 80’ . Il blitz a Bologna porta la firma di Beppe Savoldi, il nono bomber della storia del Napoli. Il centravanti bergamasco vanta 77 gol in 165 partite in maglia azzurra: 55 in 118 di serie A, 19 nelle 35 di coppa Italia e 3 nelle 12 partite nelle coppe europee. Il Napoli chiuse quel torneo al settimo posto anche per il punto di penalizzazione. Lo scudetto andò alla Juventus, davanti al Torino.

Previous LA CITTA’ DI ERCOLANO : STORIA E TRADIZIONI
Next GLOBULI AZZURRI : MARADONA , ETERNA VITTORIA DI NAPOLI . BENTORNATO DIEGO .

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

Briciole dalla tavola pasquale

Venerdì Santo, dopo la lettura della “Passione di nostro Signore Gesù Cristo secondo Giovanni”, come celebrante ho proposto – alla Renzi –  due veloci riflessioni. La prima riprendendo dal Vangelo

Officina delle idee

LA FARMACIA DEGLI INCURABILI : UN LUOGO STORICO TRA SCIENZA ED ARTE

Il luogo più bello dell’incontro tra scienza e arte è certamente la Farmacia storica negli Incurabili ,vero e proprio patrimonio barocco e  conservata nell’ antico ospedale del Reame. La storia

Officina delle idee

‘Toto’ sbanca’, il libro di Gianni Ambrosino e Aldo DeFrancesco

Omaggio ad un fenomeno: a 50 anni dalla morte del principe Antonio de Curtis amato e conosciuto al mondo semplicemente come Toto’, Gianni Ambrosino e Aldo De Francesco hanno scritto

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi