7 GIUGNO : DALLA NASCITA DELLA CITTA’ DEL VATICANO FINO ALLA FONDAZIONE DELLA CITTA DI ROTTERDAM

Il 7 Giugno è  una data ricca di avvenimenti storici , politici , culturali ed anche sportivi, che hanno caratterizzato e resa importante questa giornata. Tra gli avvenimenti storici di maggiori , ricordiamo la nascita della Città del Vaticano , avvenuta nel 1929.  La nazione più piccola del mondo, custode da oltre due millenni della cristianità, nacque nell’Italia mussoliniana, creando un’eccezione unica al mondo sulla natura giuridica degli Stati. Il riconoscimento del nuovo soggetto da parte del governo italiano era avvenuto l’11 febbraio del 1929 con la firma dei Patti Lateranensi, così chiamati perché sottoscritti da Benito Mussolini e papa Pio XI nella Sala dei Papi del palazzo di San Giovanni in Laterano. Quattro mesi dopo lo stesso Pontefice emanò la legge fondamentale della Città del Vaticano, che disegnava la forma di governo del nuovo Stato, insieme ad altre cinque leggi su aspetti legati alla cittadinanza, alla pubblica sicurezza e all’ordinamento amministrativo ed economico.Successivamente furono definiti anche i simboli nazionali: la bandiera, costituita da un “drappo partito di giallo e bianco, col bianco caricato al centro delle Chiavi incrociate (decussate) sormontate del Triregno”, e  l’inno nazionale, indicato come “Inno e Marcia Pontificale”, composto da Charles Gounod.
Nel 2001 la legge fondamentale venne modificata da Giovanni Paolo II che, tra le altre cose, cancellò definitivamente la pena di morte (prevista in caso di tentato omicidio del Papa), mai applicata dopo il 1929 e abolita da Paolo VI nel 1967.Altro avvenimento da rimarcare è la fondazione della città di Rotterdam avvenuta nel 1340. Dai duemila abitanti di quell’anno, la popolazione conobbe una prima impennata nel 1360, in seguito all’apertura del canale navigabile, “Rotterdamse Schie”, che spalancò alla città le rotte commerciali con il nord dei Paesi Bassi, della Germania e dell’Inghilterra.
La tradizione mercantile crebbe nei secoli successivi, prima con la partecipazione alla fondazione della “Compagnia Olandese delle Indie Orientali” (1602), poi in maniera definitiva con l’apertura di una nuova via d’acqua, il “Nieuwe Waterweg”, nel 1872, che la proiettò tra i porti più importanti del mondo (primato conservato fino all’inizio del XXI secolo).
Fortemente danneggiata dai bombardamenti della Seconda guerra mondiale, venne ricostruita in chiave moderna tra il 1950 e il 1970, aprendosi alle più innovative istanze dell’architettura mondiale. Oggi resta il principale porto d’Europa, dove transita il grosso delle merci dirette verso gli altri continenti.Infine  in ambito sportivo , ricordiamo la vittoria  del Giro d’Italia da parte di Marco Pantani, avvenuta nel 1998 .Il famoso “pirata” del ciclismo italiano trionfò in questa importantissima gara (composta da 22 tappe) e conquistò la maglia rosa  già dopo la 17ª tappa. La corsa partì  il 16 maggio da Nizza (Francia) e i corridori sono arrivati a Milano il 7 giugno. Al secondo posto della classifica finale ci fù il russo Pavel Tonkov,  mentre il  terzo posto fu conquistato da  Giuseppe Guerini.

Previous NAPOLITANO E GRILLO SI METTONO DI TRAVERSO.NAPOLITANO:"LA LEGGE ELETTORALE E' FATTA PER CONVENIENZE DI QUATTRO PERSONE." GRILLO."STIAMO FACENDO UNA LEGGE ELETTORALE CHE NON SI CAPISCE."
Next AMICHEVOLI INTERNAZIONALI ,: ITALIA-URUGUAY : UN TEST PER IL FUTURO

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

NAPOLI, MUSEO MADRE: LA GENESI DELLA DIDATTICA LABORATORIALE CHE GUARDA AL MUSEO COME LUOGO DI APPRENDIMENTO

Ogni ultima domenica del mese, come sempre, i Servizi educativi del museo Madre a Napoli propongono il laboratorio didattico gratuito per le famiglie.  Il laboratorio, sarà dedicato  ai bambini dai 6 ai 10

Approfondimenti

STREET ART, PARTE DA NAPOLI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI VALORIZZAZIONE

Non solo le periferie ma anche i centri storici si rigenerano nella creatività urbana, ospitando musei a cielo aperto ed attraendo sempre più turisti, cittadini e curiosi alla ricerca di

Approfondimenti

Anche condizionatori, scaldabagni e impianti di riscaldamento elettrici, sempre più connessi al web nel successo crescente dell’Internet of Things, potrebbero essere sfruttati per grandi attacchi

Gli esperti hanno simulato attacchi in cui gli hacker prendono simultaneamente il controllo di più dispositivi creando una cosiddetta botnet. Secondo le simulazioni in una rete capace di servire 38

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi