8 APRILE : DALLA SCOPERTA DELLA VENERE DI MILO FINO ALLA VITTORIA DEL NAPOLI CONTRO L’ATALANTA NEL 1990

L’8 Aprile è una data ricca di avvenimenti storici , politici , culturali ed anche sportivi, che hanno caratterizzato e resa importante questa giornata. Tra gli avvenimenti storici di maggior rilievo ricordiamo la scoperta della Venere di Milo avvenuta nel 1820. La Venere Milo non è soltanto una delle più celebri sculture della civiltà greca. Per molti incarna l’ideale classico dell’eleganza e della sensualità femminile e come tale è stato celebrato nel cinema. La storia del suo ritrovamento s’inserisce in quella fase di restaurazione del potere monarchico in Francia, dopo la caduta del regime napoleonico. Il nuovo sovrano Luigi XVIII (fratello minore di Luigi XVI sacrificato sulla ghigliottina dalla Rivoluzione del 1789) era desideroso di ricostruire l’immagine di grandezza del regno, anche attraverso l’acquisizione di preziose opere d’arte del passato. La missione che nel 1820 portò la nave Chevrette a sbarcare sull’isola di Milo (Milos, in greco), nell’arcipelago delle Cicladi, era legata ad un’attività di ricognizione idrografica del Mar Egeo. Qui, nella zona del capoluogo Plaka, l’ufficiale francese Olivier Voutier s’imbattè in un contadino di nome Yorgos Kentrotas, intento a scavare pietre da utilizzare per la sua abitazione. L’area in questione si trovava a ridosso di un antico teatro greco e ciò fece supporre a Voutier che lì sotto potessero trovarsi resti antichi. Così chiese all’uomo di avvertirlo nel caso fosse emerso qualche pezzo significativo. L’8 aprile la pala di Kentrotas toccò qualcosa di grandi dimensioni e quando l’ufficiale francese se la trovò davanti non credette ai suoi occhi: dal terreno affiorava un busto di donna, privo di entrambe le braccia. L’uomo fu esortato a scavare ancora e lì vicino venne disotterrata l’altra metà della statua, con le gambe coperte da un drappeggio e un basamento. La notizia venne accolta con entusiasmo dall’ammiraglio ed esploratore Jules Dumont d’Urville, fine umanista, che si disse disponibile ad acquistarla ma si vide sbarrata la strada dal rifiuto del comandante della Chevrette a trasportare la statua, giacché secondo lui rischiava di danneggiarsi per il burrascoso viaggio in mare. Nel frattempo, il contadino greco, che aveva fiutato l’affare, cercò di stringere i tempi e vendere il suo “tesoro” al dragomanno del sultanato di Costantinopoli. Uno smacco che D’Urville non poteva tollerare; per cui prese carta e penna e scrisse un rapporto sul ritrovamento indirizzato all’ambasciatore di Francia a Costantinopoli. Costui diede l’assenso per acquistare la scultura a qualsiasi prezzo, per la gioia di Kentrotas che accettò la vantaggiosa offerta dei francesi. Per gli stessi, e per D’Urville in particolare, l’acquisizione assumeva un significato speciale, considerando che cinque anni prima la Francia era stata costretta a restituire all’Italia la splendida Venere Medici, trafugata da Napoleone. Accolto con tutti gli onori alla corte di re Luigi XVIII, il prezioso reperto fu donato dallo stesso sovrano al Museo del Louvre (dov’è tuttora custodito), che lo catalogò come Venere di Milo, dal nome dell’isola dov’era stata rinvenuta. Per la posa ricorda le statue di Prassitele ma l’iscrizione ritrovata sotto il basamento (oggi andato perduto) l’attribuisce allo scultore dell’età ellenista (323 a.C. – 31 a.C.) Alessandro di Antiochia. Lo stile classico ma rinnovato nelle forme ha messo in crisi gli studiosi, che non sono concordi nell’attribuzione dell’opera. Il soggetto rappresentato è dato per certo che sia Venere, guardando alla precedente Venere di Capua (una copia è esposta al Museo archeologico di Napoli) che presenta la stessa posa delle gambe. Secondo una tesi ritenuta attendibile, è probabile che la statua reggesse nella mano una mela, richiamando il famoso episodio dell’Iliade in cui Paride dona il “pomo d’oro” ad Afrodite (divenuta Venere nella mitologia latina). Il nome stesso dell’isola greca (melos, “mela”) sembra confermarla. Questa data ricorda anche la nascita di personaggi illustri e tra questi ricordiamo uno tra i celebri compositori del Novecento ,ovvero Jacques Brel. Nato a Schaerbeek, a 3 km da Bruxelles, e scomparso a Bobigny nell’ottobre del 1978, iniziò a suonare nei cabaret di Parigi e tra la fine degli anni Cinquanta e gli anni Settanta raggiunse il successo, pubblicando 13 album. Apprezzato anche come attore e regista teatrale, lasciò celebri brani, su tutti Ne me quitte pas, reinterpretate o tradotte da artisti come Céline Dion, Nina Simone, David Bowie e gli italiani Gino Paoli, Patty Pravo e Franco Battiato. In ambito sportivo ,tra gli avvenimenti di maggior spessore ,ricordiamo la vittoria del Napoli contro l’Atalanta nel 1990 .La partita si chiuse sul campo sullo 0-0, ma il Giudice Sportivo assegnò il 2-0 a tavolino a favore del Napoli per la monetina che colpì Alemao. Dopo trenta giornate il Napoli era secondo ad un punto dal Milan. Con i due punti a tavolino agganciò il Milan in testa alla classifica. Le due squadre rimasero appaiate anche la domenica successiva. Alla penultima giornata, il Napoli, vittorioso a Bologna, allungò sul Milan, sconfitto a Verona. E fu il secondo scudetto.

Previous NAPOLI, DRIES MERTENS SI RACCONTA AL PORTALE BLECHER REPORT: “A NAPOLI MANGIANO, DORMONO E VIVONO DI CALCIO”
Next TEATRO SAN CARLO : PRANZO GRATUITO AI SENZATETTO 

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

Caste e castighi. Il dito nell’occhio. Le chiavi di lettura del nuovo libro di Ciambriello

Le sezioni di una volta erano le antenne della politica sul territorio. Ha esordito con queste parole Samuele Ciambriello, alla presentazione del suo libro presso la sede di Capodimonte (Napoli) dell’Associazione

Officina delle idee

SALERNO: A CAMPAGNA SI FESTEGGIA IL FUOCO DI SANT’ANTONIO ABATE

L’appuntamento è  il 17 gennaio 2018 a Campagna, in provincia di Salerno, cittadina celebre per la famosa chiena che si svolge a ferragosto, con la festa di Sant’Antonio Abate. Per l’occasione nella piazza

Officina delle idee

SALERNO: A CALVANICO SI FESTEGGIA LA “SAGRA DELLA CASTAGNA”, KERMESSE GASTRONOMICA D’AUTUNNO AL 100% GREEN

Calvanico, cittadina in provincia di Salerno, ospiterà da giovedì 12 a domenica 15 ottobre 2017, la trentanovesima edizione della “Sagra della Castagna”, l’importante kermesse gastronomica d’autunno al  100% green. La sagra avrà, tra i suoi obiettivi

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi