Arrestato per spaccio, percepiva anche il reddito di cittadinanza

Fonte: www.corriereagrigentino.it

Arrestato un uomo di 58 anni, incensurato, residente in provincia di Caserta, in quanto sono stati trovati 500 grammi di hascisc nella sua abitazione. Tutto è partito quando l’uomo è stato fermato per un controllo mentre guidava una vettura che secondo le forze dell’ordine era usata in passato da spacciatori di droga. L’uomo è stato trovato con 400 euro in banconote di piccolo taglio. In casa del 58enne, nel corso di un’altra perquisizione, è stata trovata la sostanza stupefacente insieme ad alcuni strumenti per il confezionamento. La guardia di finanza che ha bloccato l’uomo, ha anche scoperto che quest’ultimo percepiva il reddito di cittadinanza per 500 euro al mese.   Ora l’uomo si trova agli arresti domiciliari in attesa del giudizio con l’accusa di detenzione di sostanze stupefacenti al fine di spaccio. La Guardia di Finanza ha inoltrato la segnalazione all’Inps per la decadenza dal beneficio del reddito.

Previous Arrestate due persone che chiedevano il pizzo nel mercato ortofrutticolo di Pozzuoli
Next Muore un 15enne guidando la Smart del padre

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

Gli acquisti online degli italiani valgono circa 6,8 miliardi di euro

Gli acquisti online degli italiani valgono circa 6,8 miliardi di euro, pari al 25% della domanda di eCommerce annuale, in crescita di circa il 20% rispetto al 2017. Sono le

Economia e Welfare

NAPOLI: NELL’ ESTATE 2018 IL PORTO OSPITERA’ LE GRANDI NAVI COMMERCIALI

“Il dragaggio del porto di Napoli finirà alla fine del 2018 ma già in estate potremo ospitare le grandi navi commerciali” . Lo ha annunciato il presidente dell’Autorità di Sistema

Economia e Welfare

TUMORI E CHEMIOTERAPIA, RISCHIO INFARTO PER UN PAZIENTE SU TRE

In un’epoca contraddistinta da grandi successi in oncologia, i pazienti rischiano il cuore per le conseguenze avverse proprio delle cure che li hanno salvati dal tumore. È quanto è emerso

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi