A 30 anni , 4 laureati su 10 senza lavoro o sottoccupati

L’Italia non è un Paese per giovani (laureati):a 30 anni infatti, 4 su 10 sono senza lavoro o sottoccupati. E’ quanto risulta dai dati dell’Osservatorio statistico dei consulenti del lavoro secondo il quale nel 2017 degli oltre 1,7 milioni di trentenni con la laurea, il 19,5% (344.000) è privo di occupazione, e un ulteriore 19% (circa 336.000) opera in posizioni professionali che non richiedono laurea.

Fra i giovani laureati della Penisola, invece si evidenzia nel dossier c’è un 61,5%, che riesce a lavorare mettendo a frutto il titolo di studio conseguito. Nel 2017, il tasso di occupazione dei trentenni laureati (81,3%) è superiore di 8 punti percentuali rispetto ai giovani diplomati di pari età ed arriva a 24 punti percentuali rispetto ai trentenni con la sola licenza media. Le prospettive d’inserimento nel mercato occupazionale, spiega quindi lo studio, “migliorano per coloro che hanno raggiunto almeno un titolo secondario superiore”, e si rivelano “massime per chi giunge a conseguire un titolo universitario”. Il vantaggio nel possedere un livello di istruzione più elevato (e poterlo ‘spendere’, esercitando un’attività professionale) è più marcato, si legge, “per le donne trentenni, specie nel Mezzogiorno”.

Il titolo di studio ‘pesa’ in busta paga: la retribuzione mensile media dei laureati dipendenti, infatti, “è pari a 1.632 euro, ovvero il 30% in più di un occupato con la licenza media (1.139) e del 20% di un diplomato (1.299)”.

Previous NAPOLI ,TRE ARRESTI DEL COMMANDO ARMATO
Next GRANDE SUCCESSO PER L’INAUGURAZIONE DEL TRENTENNALE DI TUTTOSPOSI

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

M5S, Malerba: “Eav sempre più nel baratro. Cresce la domanda di trasporto pubblico, diminuisce la qualità del servizio”

“De Luca continua a sostenere, ancora oggi, che la Circumvesuviana, sotto la sua gestione, è destinata a diventare la prima azienda d’Italia. Da oltre due anni non facciamo che ricordare

Economia e Welfare

LA CGIL SCENDE IN PIAZZA E SI MOBILITA CON LO SLOGAN: “PENSIONI I CONTI NON TORNANO”. CAMUSSO: ” IL GOVERNO AVEVA PRESO DEGLI IMPEGNI E NON LI HA MANTENUTI”

La Cgil scende i piazza e si mobilita: sono cinque le manifestazioni organizzate dalla confederazione dopo l’esito del confronto con il Governo sulla previdenza, considerato “insufficiente”: a Roma, Torino, Bari, Palermo

Economia e Welfare

INCENDI SUL VESUVIO, LA UE HA RISPOSTO AD UN’INTERROGAZIONE DI PEDICINI (M5S): “LA REGIONE CAMPANIA AVEVA A DISPOSIZIONE 77 MILIONI DI EURO PER LA PREVENZIONE”

La Commissione europea ha risposto ad una interrogazione prioritaria presentata a luglio scorso dall’eurodeputato del M5S Piernicola Pedicini, dopo i gravi incendi che hanno colpito il Parco nazionale del Vesuvio.

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi