A 30 anni , 4 laureati su 10 senza lavoro o sottoccupati

L’Italia non è un Paese per giovani (laureati):a 30 anni infatti, 4 su 10 sono senza lavoro o sottoccupati. E’ quanto risulta dai dati dell’Osservatorio statistico dei consulenti del lavoro secondo il quale nel 2017 degli oltre 1,7 milioni di trentenni con la laurea, il 19,5% (344.000) è privo di occupazione, e un ulteriore 19% (circa 336.000) opera in posizioni professionali che non richiedono laurea.

Fra i giovani laureati della Penisola, invece si evidenzia nel dossier c’è un 61,5%, che riesce a lavorare mettendo a frutto il titolo di studio conseguito. Nel 2017, il tasso di occupazione dei trentenni laureati (81,3%) è superiore di 8 punti percentuali rispetto ai giovani diplomati di pari età ed arriva a 24 punti percentuali rispetto ai trentenni con la sola licenza media. Le prospettive d’inserimento nel mercato occupazionale, spiega quindi lo studio, “migliorano per coloro che hanno raggiunto almeno un titolo secondario superiore”, e si rivelano “massime per chi giunge a conseguire un titolo universitario”. Il vantaggio nel possedere un livello di istruzione più elevato (e poterlo ‘spendere’, esercitando un’attività professionale) è più marcato, si legge, “per le donne trentenni, specie nel Mezzogiorno”.

Il titolo di studio ‘pesa’ in busta paga: la retribuzione mensile media dei laureati dipendenti, infatti, “è pari a 1.632 euro, ovvero il 30% in più di un occupato con la licenza media (1.139) e del 20% di un diplomato (1.299)”.

Previous NAPOLI ,TRE ARRESTI DEL COMMANDO ARMATO
Next GRANDE SUCCESSO PER L’INAUGURAZIONE DEL TRENTENNALE DI TUTTOSPOSI

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

La Regione ignora il Teatro Gesualdo, Sommese spieghi il perché

Si può escludere, e perché, uno dei teatri comunali più importanti del Meridione dai finanziamenti erogati dalla Regione Campania per le attività dello Spettacolo? Sembrerebbe di sì, e a questa

Economia e Welfare

“DIAMO UN CALCIO ALL’INDIFFERENZA” A POGGIOREALE SFIDA TRA DETENUTI E GIORNALISTI

Tirare calci ad un pallone per favorire l’ integrazione sociale: è la mission dell’iniziativa “Diamo un calcio all’ indifferenza”, giunta alla seconda edizione, promossa dalle associazioni “La Mansarda” e “Aleph Service”.  Un’amichevole di

Economia e Welfare

M5S, Cammarano: “Rogo a Battipaglia, stop alla concentrazioni di impianti nella Piana del Sele”

“L’incendio che ha distrutto un’azienda per il trattamento dei rifiuti, all’origine di una vera e propria bomba ecologica, ripropone ancora una volta la serie di criticità relative alla gestione del

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi