A Casalnuovo di Napoli il primo “Fondo di Solidarietà” per il Covid-19

Casalnuovo di Napoli, 23 marzo 2020 – In un periodo certamente duro e difficile a causa dell’Emergenza Coronavirus, la Casalnuovo solidale scende in campo e lo fa con un’iniziativa veramente lodevole.
Giovanni Nappi, in rappresentanza del Sindacato SLI e dell’associazione “Una Città Che…”, sta organizzando una raccolta fondi per aiutare le famiglie in difficoltà economica a causa del Covid-19.

Nappi è da sempre impegnato per la comunità con eventi culturali, socio educativi, aggregativi e di animazione del territorio. Ora decide di scendere in campo con un ulteriore obiettivo: aiutare le persone che più hanno bisogno in questo periodo di emergenza.

In particolare, come si legge sul suo profilo, istituisce un Fondo di Solidarietà ed avvia una raccolta fondi per famiglie in difficoltà.
Le donazioni ricevute serviranno ad acquistare Ticket Spesa da consegnare a famiglie in “condizioni di povertà alimentare assoluta”.

Ecco il messaggio di Giovanni Nappi con l’invito a donare per aiutare le persone più in difficoltà:

Senza creare false speranze e senza alzare l’asticella delle attese di chi già è in difficoltà, è chiaro che più raccoglieremo più potremo distribuire. La prima donazione la farò io, a nome del Sindacato SLI e dell’associazione Una Città Che…”.

Come fare a donare

Chi vuole aiutare deve inviare un bonifico a:

CONTO CORRENTE INTESTATO A: SINDACATO SOCIALE E LAVORO INSIEME-SLI

IBAN: IT87S0200803463000103385503

CAUSALE: COVID-19 AIUTACI AD AIUTARE

“Un’iniziativa straordinaria per aiutare chi viene danneggiato dall’immane tragedia del virus e per queso invito tutti a partecipare, con quel che ognuno può, a questa importante raccolta fondi. E lo facciamo anche noi, convinti che insieme si possa fare tantissimo” conclude Giovanni Nappi.

Previous Una nostalgica ballad folk in dialetto napoletano, in bilico fra i Foja e i 24 Grana, segna l'esordio dei Vio.la: "Fino all'urdeme juorno"
Next Infantino: "Si giocherà quando si potrà senza mettere a rischio la salute di nessuno, salviamo tutti assieme il calcio da una crisi che rischia di essere irreversibile"

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

Universiadi: Matytsin, molto è stato fatto

“Nei prossimi mesi ci sarà da lavorare. Ma molto è già stato fatto, questo va riconosciuto. Ci sono tutte le condizioni per fare di questo appuntamento un evento di successo”.

Qui ed ora

LA CINA RISPONDE A TRUMP ALZANDO I DAZI SU 128 PRODOTTI USA

Dopo la fine della vicenda Corea del Nord che si è risolta, per modo di dire, con l’invito di Kim Jeong Un, presidente nordcoreano, a Trump con l’intenzione di denuclearizzare

Qui ed ora

Giornalista italiana fermata a Khartoum

Antonella Napoli, giornalista, dirigente dell’associazione di ‘Articolo 21’ e fondatrice dell’onlus ‘Italians for Darfur’, è stata fermata “da persone qualificatisi come agenti di polizia” a Khartoum, in Sudan, dove sta

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi