A GRAGNANO E’ POSSIBILE AMMIRARE IL PRESEPE ARTISTICO, UNA SUGGESTIVA OPERA FATTA DI STORIA E ARTE

Da oggi   fino al 2 febbraio 2018 sarà possibile accedere a uno dei luoghi sacri di Gragnano: il Presepe Artistico, una suggestiva opera fatta di storia e arte, nata dalla passione del maestro Pasquale Cesarano, oggi scomparso, e coadiuvato dal maestro elettricista Giuseppe Somma che, tutt’ora, si prende cura, assieme ai figli di Pasquale – Ciro Giovanni, ndr – dell’affascinante lavoro situato a pochi passi da un luogo di incredibile importanza storica come la Valle dei Mulini.

Il presepe artistico di Gragnano nasce 45 anni fa grazie all’incontro casuale di due volontà, quella di Pasquale Cesarano e Giuseppe Somma che mettono insieme le proprie competenze e le proprie forze per iniziare a realizzare quello che è diventato oggi uno dei presepi artistici più belli della provincia napoletana.

L’accesso per osservare il lavoro dei maestri artigiani gragnanesi sarà consentito dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 20.00.

Previous CAMPANIA : A SANTO STEFANO I MUSEI SARANNO APERTI
Next I ROBOT VANNO A SCUOLA DI BUONE MANIERE PER IMPARARE A INTERAGIRE MEGLIO CON GLI UMANI

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

Salvatore Ronghi, tuona contro Matera:“È solo una coincidenza che l’assessore regionale al turismo, Corrado Matera, sia nato proprio a Teggiano e che a capo della Pro Loco ci sia Biagio Matera, fratello dell’assessore regionale”?

“È solo una coincidenza che l’assessore regionale al turismo, Corrado Matera, sia nato proprio a Teggiano e che a capo della Pro Loco ci sia Biagio Matera, fratello dell’assessore regionale”?.

Officina delle idee

Corì ,Parte il Progetto “Adotta un Monumento”

Ha preso il via in questi giorni il progetto “Adotta un Monumento”, una partnership tra il Comune di Cori e le realtà del volontariato locale per la tutela e la valorizzazione

Officina delle idee

L’AMORE VINCE LA GLOBALIZZAZIONE DELL’INDIFFERENZA

“La misericordia è il primo attributo di Dio, è il nome di Dio. Non ci sono situazioni dalle quali non possiamo uscire. Non siamo condannati ad affossare nelle sabbie mobili.”

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi