A NAPOLI APRE IL PRANETARIO 3D PIù GRANDE D’ITALIA

Apre a Città della scienza, a Napoli,  il più grande planetario 3d d’Italia. Ha un diametro di 20 metri, 120 posti a sedere e una delle più avanzate tecnologie al mondo. La macchina di ultima generazione e la speciale collocazione della cupola garantiscono un effetto di completo coinvolgimento dello spettatore, complice un’acustica che garantisce un’atmosfera avvolgente. Il Planetario propone spettacoli e filmati, sia live che registrati, con cui ci si potrà immergere in un cielo notturno, scoprire le stelle dalle teorie degli antichi astronomi Greci fino ai grandi telescopi odierni, sapere come proteggere i cieli stellati dall’inquinamento luminoso, ripercorrere le missioni sulla luna, seguire i viaggi di sonde e navicelle spaziali che hanno esplorato al nostro il Sistema Solare, o ancora esplorare la materia oscura per comprendere perché l’Universo è come ci appare, da dove veniamo, e come si è evoluto in miliardi di anni.
Ma la struttura funzionerà anche come cinema 3D, con film in cui si potrà viaggiare nella storia dei popoli antichi e moderni e scoprire le meraviglie della natura, dell’archeologia e della storia.

Fonte: “www.ansa.it”

Previous GIORNATA DELLE VITTIME , LE PAROLE DI PAPA FRANCESCO :”IL VOSTRO DOLORE , LA VERGOGNA DELLE MAFIE “
Next SERIE A , EMPOLI-NAPOLI :2-3 .INSIGNE FA VOLARE GLI AZZURRI .SFATATO IL TABU’ CASTELLANI

L'autore

Può piacerti anche

Cultura

I LUOGHI E LE IDEE DI NAPOLI :DALLE IDEE CROCIANE DI LUCIO D’ALESSANDRO ALLA BIOARCHEOLOGIA CON MASSIMILIANO MARAZZI

Il Rettore Lucio d’Alessandro racconta ‘le idee crociane’ a Palazzo Filomarino; il filosofo del diritto Vincenzo Omaggio ci fa scoprire il Convitto Nazionale “Giordano Bruno” di Maddaloni dialogando sui concetti

Cultura

Napoli, al Teatro Sancarluccio inizia il Maggio D’arte: Totò dietro le quinte, Un giorno all’improvviso e A-medeo. Un omaggio ai grandi del passato!

IL nuovo teatro Sancarluccio , Napoli in Via San Pasquale di Chiaia  n. 49 , a partire dal 18 maggio, sarà alle prese con una vasta rappresentazione di opere teatrali , adattate

Cultura

“L’ALTRA MADRE”, IL CAPOLAVORO DI ANDREJ LONGO

Genny ha sedici anni e lavora in un bar dalle parti di via Toledo; gli piace giocare a pallone e fare il buffone sul motorino. Perché, dicono gli amici, come

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi