A Napoli la mostra fotografica “One • One Planet One Future”

L’artista Anne de Carbuccia ha viaggiato nei luoghi più belli, remoti e a rischio del pianeta per documentare con la sua arte quello che abbiamo, quello che abbiamo già perso e quello che possiamo perdere.

I suoi scatti sono stati raccolti nella mostra fotografica “One • One Planet One Future”, che sarà ospitata nella Sala delle Carceri del Castel dell’Ovo di Napoli da sabato 23 giugno a domenica 30 settembre 2018.

Le fotografie di Anne de Carbuccia affrontano le minacce che l’uomo crea per il pianeta, utilizzando il tema artistico della Vanitas: con una clessidra, un teschio e con altri oggetti reperiti sul posto, Anne crea installazioni in paesaggi terrestri o marini pieni di significati ambientali.

L’artista definisce queste installazioni TIMESHRINES (SACRARI DEL TEMPO) alludendo al fatto che esse, pur nella loro natura effimera, divengono parte di una raccolta fotografica permanente.

L’apparire del Sacrario del Tempo nell’immagine ci invita a riflettere sulla bellezza e sulla fragilità del nostro pianeta e vuole ispirarci ai cambiamenti necessari alla sua salvezza. Anne rivisita la natura morta classica per raffigurare la “natura viva”.

Le immagini trattano i temi chiave del progetto: ACQUA, PLASTICA, ANIMALI E CULTURE A RISCHIO e saranno mostrate fra installazioni video, sonore e di luce che si ispirano ai temi del progetto e al Castello stesso.A Napoli la mostra fotografica “One • One Planet One Future”

Previous LAVORO, PALMERI: “FCA MANTIENE I LIVELLI OCCUPAZIONALI IN CAMPANIA”
Next Eurostat: il 58% dei laureati trova lavoro entro 3 anni

L'autore

Può piacerti anche

Cultura

Arturo Esposito: la poesia, un premio e la vita tra Sorrento e il Salento

Il 30 settembre partirà la 23a edizione del premio nazionale “Penisola Sorrentina” inserita nell’Anno Europeo del Patrimonio Culturale. La storia della kermesse è indissolubilmente legata alla storia del suo fondatore

Cultura

PIZZA1ONE, IL FORMAT TV SULLA PIZZA NAPOLETANA

Un campionato tra pizzaioli per aggiudicarsi l’ambito trofeo “Città di Napoli” che premierà la bravura, la creatività, il carisma e l’intraprendenza del pizzaiolo ma anche la bontà della pizza. Trenta

Cultura

SETTE SUPERBI INEDITI DI PITTURA NAPOLETANA

Continuamente ntiquari e collezionisti mi inviano foto di dipinti di scuola napoletana, chiedendomi un parere sull’attribuzione e questa circostanza mi permette di visionare una cospicua mole di inediti, alcuni di

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi