A NAPOLI, LO SCIOPERO DEI METALMECCANICI

Nella giornata di ieri, si è tenuto lo sciopero nazionale da parte della FIOM, FIM e UILM.

Quattro ore di sciopero per la lotta per il rinnovo del contratto collettivo nazionale, in discussione con Federmeccanica.

I motivi per essere preoccupati, a ben leggere la piattaforma proposta dalla Federmeccanica (l’associazione datoriale di categoria), a giudizio dei lavoratori, sono molteplici: dal sostanziale annullamento per il futuro di aumenti salariali, all’abolizione degli scatti di anzianità, dalla sostanziale richiesta di rinuncia alla possibilità di scioperare o protestare contro accordi firmati (o in fase di trattativa), all’utilizzo dello straordinario come banca ore, passando per la proposta di una flessibilità spinta su orari e turni di lavoro.

In parte, queste richieste sono già state accettate da molti dei sindacati che siedono ai tavoli di trattativa, destando non pochi timori nei lavoratori metalmeccanici.

Al fronte del rinnovo contrattuale, si aggiunge per molti quello della tutela dei posti di lavoro e della difesa delle condizioni di lavoro.

Così, ad esempio, negli stabilimenti Finmeccanica di Foggia e Nola, la giornata di sciopero si è allungata e le ore in cui gli operai hanno incrociato le braccia, sono state otto.

A Napoli, dopo i picchetti notturni e mattutini, gli operai Finmeccanica, provenienti soprattutto dall’Alenia e dalla Selex, sono scesi in corteo, partendo dalla sede della Confindustria, in piazza dei Martiri, per poi dirigersi per le vie della città, fino ad arrivare a Palazzo Santa Lucia, sede della giunta regionale della Campania.

581529c060a0eee8634bd591b82dc180

In piazza, tra i lavoratori, sentimenti di preoccupazione, misti a rabbia per il futuro più che incerto delle produzioni aeronautiche nelle regioni del Sud Italia, già martoriate da politiche di chiusura di stabilimenti, che ha mietuto diverse vittime negli ultimi anni, a partire dalla fabbrica di Casoria per passare alla dismissione di quella di Capodichino, entrambe di proprietà dell’Alenia Aermacchi.

Per non parlare della situazione degli operai della DEMA, sui quali fino a poche settimane fa incombeva la scure di centinaia di licenziamenti, tra il sito di Somma Vesuviana, in provincia di Napoli, e quello di Brindisi.

Gli operai, chiedono risposte e chiarezza da parte dell’azienda.

4e2a500ff0c8e29de0fd4c36752ded6f

La giornata di ieri, ha sicuramente costituito un passaggio importante nell’evolversi delle trattative.

La speranza di tutti, è che si possa aprire una fase nuova di discussione, affinchè si possa tastare con mano, i miglioramenti della situazione lavorativa di migliaia di dipendenti.

 

 

Previous LIBERTA' DI STAMPA: L'ITALIA AGLI ULTIMI POSTI IN EUROPA
Next D'AMELIO E TOPO:"TAVOLA ROTONDA PER RIPRENDERE UN PERCORSO DI PREVENZIONE E TUTELA". IL CONSIGLIO REGIONALE DELLA CAMPANIA, ADERISCE ALLA GIORNATA NAZIONALE DELLA SALUTE DELLA DONNA

L'autore

Può piacerti anche

ultimissime

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO: ALCUNI STUDENTI POTREBBERO DIVENIRE LE NUOVE GUIDE TURISTICHE DEI CAMPI FLEGREI

Venerdì prossimo, al Castello di Baia (Napoli) – nei Campi flegrei – gli allievi dell’Isis “Rita Levi Montalcini” di Quarto, nel corso di un incontro presenteranno le attività svolte nel

ultimissime

ITALIA , GENTILONI :” NON E’ TEMPO DI SCARDINARE I PILASTRI DEL NOSTRO SISTEMA PENSIONISTICO , MA E’ IL TEMPO DELL’INVESTIMENTO SUL FUTURO”

“Non è il tempo di scardinare pilastri del nostro sistema pensionistico e fiscale, non è il tempo delle cicale, ma è il tempo della competenza, della serietà e dell’investimento sul

ultimissime

UFFICIALE – Rinviata Napoli-Inter, la decisione del Prefetto Valentini

Salta anche l’altra semifinale di Coppa Italia, ora è ufficiale. Dopo la decisione presa in merito alla sfida tra Juventus e Milan, è arrivato il responso anche su Napoli-Inter, inizialmente in programma per domani sera.

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi