A Pompei spunta il tesoro della fattucchiera. Ambre e pietre preziose ma anche amuleti di ogni tipo

A Napoli, la cui storia si fonda sulla leggenda della Sirena Partenope, magia, superstizione e scaramanzia si mescolano fin dai tempi più remoti nell’atmosfera partenopea. ‘O munaciello, ‘a bella ‘mbrianala smorfia, l’uovo magico del Castel dell’Ovo, gli spettri nei palazzi e nelle fortezze e le streghe sono solo alcuni degli elementi distintivi delle credenze napoletane. Nuove ricerche hanno dato prova che superstizione e scaramanzia hanno sempre accompagnato la città. Infatti, a Pompei, negli scavi ancora in corso nella Regio V, la Casa col Giardino restituisce un nuovo strabiliante tesoro, di nome e di fatto: i resti di uno scrigno in legno e metallo pieno di oggetti femminili, specchi, collane. Ma soprattutto tantissimi amuleti, dalle bamboline alle campanelle, una spiga di grano, un piccolo teschio, falli, pugni chiusi. Decine di portafortuna accanto ad altri oggetti ai quali si attribuiva il potere di scacciare la malasortesottolinea all’ANSA  Massimo Osanna l’archeologo direttore del Parco.

Meraviglie che certo potrebbero essere appartenute alla padrona di casaMa non è detto. Perché quella cassetta di legno, la cui impronta è rimasta impressa nella cenere indurita di duemila anni fa, si trovava in un ambiente di servizio, lontano dalla stanza da letto della matrona e anche dall’atrio della domus dove gli archeologi hanno ritrovato gli scheletri di dieci persone, praticamente l’intera famiglia, sterminata dalla violenza dell’eruzione mentre tentava di mettersi in salvo.

Non solo: in questo tesoro non ci sono gli ori,  che a Pompei  tutte le donne amavano esibire e che certamente non potevano mancare nel portagioie di una giovane signora benestante, tanto che sulla parete di una delle stanze di rappresentanza della casa è sopravvissuto il delicato ritratto di una giovane donna, quasi certamente la proprietaria, che sfoggia ai lobi un paio di brillanti e raffinati orecchini.

Previous Marta Busso ha formulato un’ipotesi diagnostica che si è rivelata vincente. Laureanda italiana cura una malattia che nessun medico americano era riuscito a diagnosticare
Next Difesa dell’ambiente, a Portici si riscoprono gli orti urbani

L'autore

Può piacerti anche

Cultura

Lezioni di Storia Festival : quando la Storia fa spettacolo

Fino al 28 aprile, Napoli si trasformerà nella Woodstock della storiografia con “Lezioni di Storia Festival”. Saranno 4 giorni in cui i più grandi storici italiani – Carandini, Barbero, Cantarella,

Cultura

Pietrarsa: 6 agosto 1863, la strage dimenticata

Ogni anno il primo maggio celebriamo la giornata del lavoro. La celebriamo proprio il primo maggio per ricordare la grande manifestazione tenutasi a Chicago e repressa con il sangue nel

Cultura

Il tempio di Serapide o Serapeo

Il tempio di Serapide o Serapeo  assunse questo nome a seguito del ritrovamento di una statua del dio egizio Serapis, seduto in trono con il cane tricefalo Cerbero, affiorata durante

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi