A Roma nuovo blitz contro i Casamonica, 23 arresti

Nuovi blitz dei carabinieri contro presunti appartenenti al ‘clan’ Casamonica. I militari del Comando provinciale di Roma stanno eseguendo 23 misure cautelari, emesse dal gip di Roma su richiesta della procura di Roma, nei confronti di appartenenti alle famiglie Casamonica, Spada e Di Silvio, tra cui 7 donne. Gli indagati sono ritenuti responsabili, a vario titolo, di estorsione, usura, intestazione fittizia di beni, spaccio di stupefacenti. Reati in buona parte commessi con l’aggravante del metodo mafioso.

Le indagini che hanno portato alla nuova operazione sono la prosecuzione dell’operazione ‘Gramigna’ che la scorsa estate fece scattare misure nei confronti di altri 37 appartenenti al clan. L’operazione è scattata all’alba e ha visto all’opera circa 150 carabinieri del comando provinciale di Roma con l’ausilio di unità cinofile e del peronale dell’ottavo reggimento Lazio. Perquisizioni e arresti sono in corso a Roma, in provincia e in altre regioni italiane

Previous Allarme Onu sulla Libia : 147 morti .Sarraj: '800mila migranti pronti a invedere l'Italia'
Next Casa, prezzi in calo 0,6% nel 2018

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

Vomero: strade dissestate. Un gruppo con oltre 3.200 iscritti

Al Vomero continua a tenere banco la situazione disastrosa, che peggiora di giorno in giorno, delle strade comunali con dissesti che mietono tantissime vittime. Danni incalcolabili per la società civile

Qui ed ora

«Da giustizia efficiente la spinta per la ripresa»

“Maggiore efficienza della giustizia civile significa maggiore competitività delle imprese e migliori condizioni per la ripresa”.  E’ questa la posizione espressa da Rete Imprese Italia che interviene sulla riforma della

Qui ed ora

Susy: gran Condè moderno

Alla vigilia della decisiva battaglia di Rocroi, nel 1643, il ventiduenne principe di Condè, che sarà il vincitore della giornata, dormì saporitamente. Al mattino, al suo risveglio, i suoi ufficiali

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi