A un’italiana Impiantata la mano bionica che imita il tatto naturale

Impiantata in una donna siciliana la prima mano bionica che riesce a dare una sensazione del tatto molto simile a quella naturale. Descritta sulla rivista Neuron, la nuova mano bionica riesce a imitare la ‘voce’ dei neuroni, riproducendo il coro di segnali che dai polpastrelli arriva al cervello. “E’ una dimostrazione di come sia possibile replicare la risposta dei recettori naturali del tatto con buon livello di fedeltà”, ha detto il coordinatore della ricerca, Silvestro Micera, dell’Istituto di BioRobotica della Scuola Sant’Anna e titolare della cattedra di Neuroingegneria translazionale del Politecnico di Losanna.

“Non siamo partiti dalla mano robotica, ma dalla sorgente dell’informazione tattile, cercando di riprodurre in modo più accurato possibile la dinamica dei neuroni nelle dita nel momento in cui una mano tocca un oggetto. Così abbiamo trasmesso al sistema nervoso del paziente un segnale che è stato subito riconosciuto come naturale”, ha osservato Giacomo Valle, studente di dottorato alla Scuola Sant’Anna e prima firma della pubblicazione. “In questo modo il messaggio che il cervello riceve è molto naturale e il paziente riesce a compiere i movimenti in modo più rapido”, ha osservato un altro autore della ricerca, Alberto Mazzoni, della Sant’Anna. Adesso si guarda al futuro e, ha detto Micera, “l’obiettivo è rendere il dispositivo impiantabile in modo da permettere l’uso costante e quotidiano”.

Previous Campania , Scoperti stabilimenti balneari fantasma
Next TIROCINI FORMATIVI,"DIAMO UN CALCIO ALL'INDIFFERENZA " E "VIENI E VEDI": TRE INIZIATIVE PER LIBERARE E FORMARE I GIOVANI STUDENTI UNIVERISTARI.

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

Alitalia: arrivate offerte da Fs, EasyJet e Delta

Alla scadenza del termine per le offerte, i Commissari straordinari di Alitalia hanno ricevuto due offerte vincolanti e una manifestazione di interesse non vincolante. Lo si legge in una nota della compagnia. Nei

Economia e Welfare

Premio Massimo Troisi :La Regione Campania finanzia il triennio 2018-2020

Premio Massimo Troisi. Si riparte in grande stile. La kermesse, dedicata all’indimenticabile attore e regista dalla sua città natale, ha ottenuto dalla Regione Campania un finanziamento triennale. 300 mila euro

Economia e Welfare

Con i mezzi a guida autonoma si rischia la congestione delle aree urbane

  La prevedibile ampia diffusione nelle metropoli del futuro dei veicoli a guida autonomia, sia vetture private sia mezzi pubblici, dovrebbe portare indubbi vantaggi per la mobilità di disabili e

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi