ADDIO GUALTIERO MARCHESI , ICONA DELLA CUCINA ITALIANA

Gualtiero Marchesi non è più tra noi. L’uomo più importante dell’universo gastronomico italiano si è spento ieri alla veneranda età di 87 anni , nella sua casa a Milano. Un arresto cardiaco lo ha portato via , a distanza di soli due giorni da un forte attacco di bronchite ; niente di collegato quindi a quel brutto problema che si portava da tempo sulla fronte e che lo infastidiva perché non gli piaceva farsi vedere in pubblico. Lo piangono le due figlie Simona e Paola, i nipoti, e uno stuolo di orfani: del suo talento, della sua gentilezza, della sua intelligenza. Tutti quelli che hanno lavorato con lui non hanno fatto altro che elogiarne la sua straordinaria umanità e generosità, oltre alla fondamentale intransigenza , che si è ritenuta necessaria per guidare brigate di giovani verso la gloria e il successo. Un grande uomo dunque , prima di essere un cuoco di primissimo livello , quel cuoco che ha permesso alla nostra cucina di spiccare il volo verso le vette mondiali, liberandola dal provincialismo. Nato da una famiglia di ristoratori , è stato il primo cuoco italiano a ottenere le tre stelle Michelin, un riconoscimento contro il quale poi si era ribellato, contestando il sistema di attribuzione dei punteggi. Milano , città che gli ha dato i natali, piange quindi un grande che se ne va, un uomo di cultura, profondamente innamorate dell’arte , della musica soprattutto. Da qui l’omaggio alla Scala nel suo ristorante nel centro di Milano, proprio nell’edificio del teatro più famoso del mondo, con le sedie ricoperte di velluto di quello stesso punto di rosso. Arrivano intanto numerosi i tweet di cordoglio di grandi personalità del mondo enogastronomico e culturale , che ne hanno apprezzato il grandissimo operato. “Un onore avere conosciuto Gualtiero Marchesi, grande maestro della nostra Cucina e portabandiera del Paese” è stato uno dei primi messaggi, postato dal ministro delle politiche agricole Maurizio Martina. Non poteva poi certo mancare il saluto di Carlo Cracco, uno dei suoi allievi divenuto chef di livello internazionale , che ha così twittato : “Ciao maestro e grazie“. Dalle sue cucine sono passati anche Davide Oldani, Enrico Crippa, Andrea Berton, Daniel Canzian, Paolo Priore, per citarne alcuni tra i più prestigiosi. La sua carriera è stata raccontata in “The Great Italian“, biopic sulla sua vita presentato lo scorso maggio a Cannes.

Alessandro Gerardo De Rosa

Previous Il garante dei detenuti Samuele Ciambriello in visita nelle carceri per augurare un buon anno ai detenuti
Next CIAMBRIELLO:"LA TESTIMONIANZA DI DON GIUSEPPE DIANA CHE FA DELLA GIUSTIZIA LA VIA PRIORITARIA PER GIUNGERE ALLA LIBERTA'."

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

Raid al centro scommesse, caccia ad autori

E’ caccia agli autori del raid camorristico di ieri sera contro una sala scommesse di via Pietro Colletta, nel quartiere di Forcella, a Napoli, nel quale è rimasto ferito ad

Qui ed ora

E’ MORTO IL CELEBRE CANTANTE INGLESE GEORGE MICHAEL

E’ morto a soli 53 anni, George Michael, celebre cantante inglese. Nato a Londra il 25/6/1953, nel 1981 forma un duo con Andrew Ridgeley, i Wham, col quale nel 1983

Qui ed ora

SANITA’ , DE LUCA :”GARANTITE LE PRESTAZIONI DEI LABORATORI “

Il presidente della Giunta regionale della Campania, Vincenzo De Luca, ha autorizzato oggi “formalmente le aziende sanitarie della Campania a finanziare in via di anticipazione con fondi propri le prestazioni di

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi