“AFFIDO ED ADOZIONE”, ALLA SEDE DELL’UNIVERSITA’ TELEMATICA PEGASO A NAPOLI, SI E’ SVOLTO IL CONVEGNO SUL TEMA. NE HANNO DISCUSSO PERSONALITA’ ILLUSTRI ED ESPERTI DEL SETTORE

IMG_9955

 

In Italia ci sono 30mila bambini senza famiglia. Di questi, 15mila sono in affidamento, gli altri 15mila vivono in case famiglie. Una percentuale elevata è rappresentata da minori stranieri non accompagnati. Eppure, continuano a crollare le adozioni in Italia. In quattro anni, infatti, si è passati da 4.130 del 2010 ai meno di 2mila del 2014. Colpa della crisi, della lentezza della burocrazia o dei costi eccessivi: sta di fatto che sempre meno bambini vengono accolti dalle famiglie italiane. E Napoli non fa eccezione: appena 80 le adozioni andate a buon fine solo nel 2014.
Di questo si è parlato lunedì nel corso di un convegno svoltosi presso la sede di Napoli dell’Università Telematica Pegaso. “Affido e adozione” è stato il titolo del dibattito che ha visto confrontarsi intorno al tema quanto mai attuale, il presidente del Tribunale dei Minori di Salerno, Pasquale Andria; il presidente dell’Università Pegaso, Danilo Iervolino; il presidente dell’Associazione Ariete, Anna Torre; il presidente dell’Associazione nazionale dei Sociologi, Pietro Zocconali; la professoressa di Metodi e tecniche del Servizio sociale presso l’Università degli Studi di Genova, Silvana Mordeglia; la psicologa e psicoterapeuta, Fausta Nasti; l’avvocato e docente di Diritto di Famiglia dell’Università Telematica Pegaso, Alessia Schisano. A moderare il direttore di Panorama, Giorgio Mulè.
Le adozioni sono crollate non solo per le lungaggini burocratiche – ha spiegato Pasquale Andria, presidente del Tribunale dei Minori di Salerno – ma anche perché sono diminuite le dichiarazioni di disponibilità delle famiglie alle adozioni. La crisi ha contribuito in parte, ma ad incidere è stato anche il maggiore ricorso alla procreazione assistita. A fronte di un numero ridotto di adottati, il numero di nati è arrivato a 10mila bambini”. Dietro l’insuccesso delle adozioni c’è anche un’errata valutazione delle coppie. Ne è convinta Silvana Mordeglia, docente di Metodi e tecniche del Servizio sociale presso l’Università degli Studi di Genova, e fino alla scorsa settimana presidente dell’Ordine nazionale degli Assistenti sociali. “Molte volte – ha detto – una buona e attenta valutazione delle coppie è alla base del successo. Per questo è fondamentale il lavoro di squadra, che solo un’equipe composta da sociologi, assistenti sociali, psicologi e avvocati può garantire”. Sulla necessità di fare rete ha insistito anche Alessia Schisano, avvocato impegnata da anni nella tutela dei minori: “è necessario formare una rete di professionisti che accompagni la famiglia sia nelle fasi precedenti l’adozione sia in quelle successive”.
Ed è in quest’ottica che l’Università Pegaso ha deciso di bandire un master in “Esperto di affido e adozione”, realizzato in collaborazione con l’associazione Ariete, presieduta da Anna Torre. “Un percorso multidisciplinare – ha spiegato la Torre – che mira a colmare il vuoto formativo nel settore e a preparare gli operatori ad affrontare le complesse problematiche dell’affido e dell’adozione”. “Siamo i primi in Italia – ha detto soddisfatto Danilo Iervolino, presidente di Pegaso – a istituire un master espressamente dedicato al tema. Siamo convinti che questa sia la strada che bisogna percorrere se si vuole davvero fare innovazione. E in un quadro così drammatico e complesso, che ha visto le adozioni in Italia dimezzarsi nel giro di dieci anni, la nostra Università è pronta a dare un contributo importante, perché spesso si dimentica che i soggetti da tutelare sono e saranno sempre i bambini”.

Previous VALERIA VALENTE SI SCAGLIA CONTRO LUIGI DE MAGISTRIS. DURO ATTACCO SU FACEBOOK DELLA CANDIDATA ALLE PRIMARIE DEL PD A NAPOLI
Next FACEBOOK: OFFENDERE SU UNA BACHECA È DIFFAMAZIONE AGGRAVATA

L'autore

Può piacerti anche

Cultura

Arriva l’VIII edizione della Fiera del libro all’insegna di una nuova ecologia della mente

Dal 4 al 6 maggio, nella cornice del Castello di San Barbato, un maestoso complesso architettonico di epoca longobarda, situato nell’omonima frazione di Manocalzati, in provincia di Avellino, si svolgerà

Cultura

La creatività che cambia Napoli

In un contesto come quello italiano, dove la disoccupazione giovanile è arrivata al 41%, investire sui giovani, sulle loro potenzialità, sui loro talenti e sulla loro creatività, significa dare vita,

Cultura

“Dialoghi al Correale”, Giancarlo Magalli ospite del Museo Correale di Sorrento

Per “I Dialoghi del Premio Penisola Sorrentina” il prossimo week end arriveranno nel museo fondato dai nobili sorrentini Pompeo e Alfredo Correale l’autore televisivo Giancarlo Magalli, lo scrittore lucano Lo

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi