Alla Sala Pasolini: Latini gigante dell’incompiuta di Pirandello

 

I Giganti della Montagna”, versione radio\edit, è ospite di Casa del Contemporaneo sabato 10 (ore 19:00) e domenica 11 dicembre (ore 18:00), a Salerno, alla Sala Pasolini. In scena l’ultima opera di Luigi Pirandello, nell’adattamento di Roberto Latini, che arriva a Salerno proprio nel giorno dell’anniversario della scomparsa dell’autore siciliano. Lo spettacolo di Latini, unico attore sul palco, è una produzione Fortebraccio Teatro ed ha ottenuto il Premio della Critica 2015 (ANCT) e il premio Premio Ubu 2015 come Miglior progetto sonoro – musiche originali a Gianluca Misiti, autore delle musiche e dei suoni. Terzo dei miti moderni di Pirandello – dopo il religioso (Lazzaro) e il sociale (La Nuova Colonia) – I Giganti della Montagna è il mito dell’arte. Rappresentato postumo nel 1937, è l’ultimo dei capolavori pirandelliani ed è incompleto per la morte dell’autore. La vicenda è quella di una compagnia di attori che giunge nelle sue peregrinazioni, in un tempo e luogo indeterminati, al limite, fra la favola e la realtà, alla Villa detta “la Scalogna”. Scrive Latini nelle note di regia: “L’incompiutezza è per la letteratura, per il teatro è qualcosa di ontologico. Trovo perfetto per Pirandello e per il Novecento che il lascito ultimo di un autore così fondamentale per il contemporaneo sia senza conclusione. Senza definizione. Senza punto e senza il sipario di quando c’è scritto – cala la tela”.

Previous Governo in Crisi. Sergio Mattarella ascolta Grasso e Boldrini.
Next NAPOLI , LE PAROLE D’AMORE DI CAPITAN HAMSIK : “UN TROFEO DA CAPITANO DEGLI AZZURRI , VAREBBE QUANTO DIECI CON UN’ALTRA SQUADRA “

L'autore

Può piacerti anche

Cultura

“WE TRANSFER” è online. L’opera audiovisiva realizzata da circa 100 artisti attraverso il file sharing sarà presentata il 10 febbraio alla “Casa della Musica” di Napoli

Il progetto “We Transfer” è finalmente online. L’esperimento artistico per partecipare e/o reagire alle dinamiche del presente, il manifesto di condivisione culturale di “LAP”, il “Laboratorio Artigianale di Pazzia”, è

Cultura

CARLO ANIMATO VINCE IL PREMIO “IO SCRITTORE”

È «Lo spacciatore di reliquie» del napoletano Carlo Animato il romanzo vincitore assoluto del premio “IoScrittore” promosso dal gruppo editoriale Mauri Spagnol, che si è imposto su quasi tremilaseicento partecipanti. Il torneo

Cultura

La favola dello zoo di Napoli in un cortometraggio

Nel 2013, la rivista Link dedicava uno spazio alla vicenda dello zoo di Napoli intervistando l’ing. Floro Flores che si era dato carico di dare nuova vita ad una struttura

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi