Allarme estinzione per le tigri, ne restano meno di 4.000

Erano in centomila agli inizi del XX secolo mentre oggi, ne sopravvivono poco meno di 4.000 esemplari (3.890 secondo le ultime stime). Le tigri, di cui ogni 29 luglio si celebra la Giornata Mondiale, sono a rischio estinzione e si moltiplicano nel mondo le iniziative per proteggere il felino più grande della Terra.

La conservazione della tigre, spiega, “è legata a doppio filo alla protezione che l’uomo assicura ai territori in cui essa vive. La lotta al bracconaggio, la mitigazione del conflitto uomo-animale e la limitazione al consumo di habitat, risultano applicati in maniera corretta solo nel 13% dei Paesi dell’areale. Lo dimostra l’ultimo studio pubblicato nel marzo scorso dall’organizzazione Panthera in collaborazione con Iucn (Unione Internazionale per la Conservazione della Natura), che rileva il Sud-est asiatico come l’area in cui le tigri stanno soffrendo di più la pressione del bracconaggio, senza che questo venga contrastato con mezzi efficaci”.

Previous Crollo ponte Genova, funerali di Stato per le vittime. Bagnasco: 'Squarcio al cuore della città'.Il presidente Fico si scusa,a nome dello Stato, con i familiari delle vittime.
Next Visita del Garante regionale delle persone prive di libertà personale Samuele Ciambriello all'Istituto Penitenziario di Secondigliano

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

Atena-Minerva: la dea dagli occhi scintillanti

Domenica 11 Novembre, alle ore 10:30, presso il Museo della Città e del Territorio di Cori verrà inaugurato il progetto “Che Mito! Storie e leggende dalla collezione museale” rivolto a bambini (dai

Officina delle idee

“THE AMERICAN POPE”, Costruire ponti per costruire la pace, il libro a cura di Jakes, Messa e Milone.

“Novanta miglia di mare separano l’Habana da Miami. Ancora oggi finiscono nella rete degli uomini di Castro tutti quelli che tentano la fuga. Li chiamano “Balseros” uomini in mare. Ma

ultimissime

PITTELLA E JORIO:QUATTRO BUONI MOTIVI PER VOTARE SI AL REREFENDUM DEL 4 DICEMBRE

Il Paese ha bisogno di consapevolezza per votare bene al prossimo referendum, prescindendo dalla fine che farà l’Italicum. Occorre, pertanto, far comprendere ai cittadini come vivranno a seguito dell’esito referendario

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi