Alluvione nella Valle dell’Irno: Solofra e Montoro in ginocchio

Sono già state avviate le procedure per richiedere lo stato di calamità naturale, mentre continua a piovere ed è impossibile abbozzare una stima dei danni della bomba d’acqua che a partire da questa mattina, a più riprese, si è abbattuta su tutta la provincia di Avellino. Colpita in particolare la Valle dell’Irno. Solofra e Montoro i due Comuni del versante irpino che hanno avuto la peggio: le intense e violenti piogge di queste ore hanno allagato abitazioni e strade e provocato smottamenti in centro e nelle frazioni.

A Solofra è delicata la situazione nel quartiere Santa Lucia e all’altezza del ponte di San Nicola a causa di una frana, così come è completamente allagata Piazza Marello; a Montoro invece, in località Misciano e Pisana, lo straripamento del torrente Solofrana ha interessato fondi agricoli e diverse abitazioni rimaste senza fornitura idrica e isolate, per il crollo di un ponticello lungo la via d’accesso. Ma il bollettino delle forze dell’ordine racconta anche del raccordo SA-AV chiuso per ore all’altezza di Montoro perché la carreggiata si è trasformata in un fiume in piena che ha costretto gli automobilisti a cercare riparo sui cavalcavia, mentre alcune auto planando sull’acqua hanno mandato il traffico in tilt. La Protezione Civile regionale ha attivato un numero di emergenza (0825/534253) e segnalato possibili precipitazioni nell’arco delle prossime 24 ore.

Si contano i danni quindi, che per fortuna non comprendono vittime, e si guarda con preoccupazione alla montagna sperando che la natura si dimostri clemente più di quanto l’uomo e la cementificazione selvaggia abbiano fatto con essa. Intanto monta la polemica. L’area interessata dall’alluvione di oggi infatti è indicata nel Piano per l’Assetto Idrogeologico dell’ex Autorità di Bacino del Sarno, e di conseguenza nel Piano Territoriale Provinciale di Avellino, come a elevato rischio idraulico e segnata come prioritaria nella scala degli interventi e delle azioni di mitigazione del rischio. Dalle parole su carta però ancora non si è passati ai fatti. Duro il commento di Tony Della Pia, segretario provinciale di Rifondazione Comunista: “In Irpinia e in Campania le risorse pubbliche sovente vengono spese per opere faraoniche inutili se non dannose, mentre nessuna seria programmazione è orientata al riassetto e alla messa in sicurezza del territorio”.

Previous Valle del Sabato, in 300 marciano per la bonifica
Next Le app per smartphone conquistano il mondo dei fedeli

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

La Regione Campania a sostegno delle aziende

La Giunta Regionale, nella riunione di oggi, ha dato disposizione a tutte le Direzioni e a tutte le strutture che gestiscono risorse regionali, di facilitare al massimo i pagamenti. Al

Qui ed ora

BREXIT, I 27 LEADER UE DANNO L’OK ALL’ACCORDO DI DIVORZIO

“I 27 leader Ue hanno dato il via libera politico all’Accordo di divorzio” dal Regno Unito “e alla Dichiarazione politica congiunta”, così afferma  il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk. “Di

Qui ed ora

NELL’ITALIA SENZA CERTEZZE E DIVISA IN TRE NELL’ULTIMO SONDAGGIO IL PD SUPERA DI NUOVO IL M5S E RESTA ALTO IL GRADIMENTO SUL GOVERNO GENTILONI.

La sintesi di quello che sta avvenendo negli orientamenti elettorali degli italiani l’ha fornita Ilvo Diamanti su Repubblica: “Secondo le stime di Demos il Pd ha superato di nuovo il M5S.

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi