Amatevi sempre. Riconoscersi nel proprio corpo è la parte più bella dell’essere donna. Smagliature: cause, prevenzione e trattamenti.

Corpi perfetti, ritocchini, photoshop, filtri: i social sono una piazza apparentemente perfetta, ma la verità è un’altra anche se non tutti riescono a rendersene conto. E questo a volte è pericoloso, perché viene veicolato un messaggio di perfezione estetica che è irreale e non veritiero, che non rispecchia la natura umana nelle sue imperfezioni.

Prima ancora che esplodesse il movimento #bodypositive, le smagliature, insieme alla cellulite, sono state le prime imperfezioni ad essere esibite senza timore sui social. Ne sanno qualcosa le celeb come Chrissy Teigen e Kylie Jenner che sui loro profili hanno deciso di non mascherarle più spiegando la verità sul tema e soprattutto sul post gravidanza, quest’ultimo un momento estremamente delicato per le neo-mamme. Lo stesso è accaduto all’attrice Katie Holmes che ha confessato di averle viste comparire sul suo ventre dopo la nascita di Suri Cruise.

Anche le giovanissime possono essere colpite da questo inestetismo. Gigi Hadid, 24 anni, e Bella, 23 anni, eletta da poco la donna più bella del mondo, per esempio, le hanno su cosce e fianchi.  Ma cosa sono e perché compaiono le smagliature?

1

Si tratta di vere e proprie cicatrici della pelle, di forma allungata, che vengono quando la cute è fragile e non abbastanza elastica da sopportare tensioni della pelle, che si verificano quando si ingrassa, soprattutto in maniera veloce e repentina o dopo una gravidanza. In pratica, i tessuti, compreso quello connettivo, cambiano in seguito a cambiamenti ormonali, modificando la struttura di collagene. Nel linguaggio comune, invece, le smagliature sono semplici striscioline, lievemente infossate e di colorito bianco-violaceo, che attraversano le regioni corporee sottoposte a cambi improvvisi di forma e dimensione.

I TRATTAMENTI PER PREVENIRLE O CANCELLARLE:
Nei pazienti giovani è sicuramente consigliabile l’idratazione costante della cute attraverso l’uso di oli emollienti. Ciò è sicuramente utile a limitarne la comparsa, ma non a eliminare quelle in essere. Su queste ultime si può agire attraverso l’applicazione di creme contenenti degli acidi esfolianti, purché le smagliature siano recenti. Sulle forme cicatriziali, bianche, si dimostra molto efficace l’uso del laser frazionato, che causa delle microfratture di questi tralci fibrosi obbligando il tessuto a rigenerarsi. Ciò si traduce nella scomparsa del ”gradino” percepibile alla vista e al tatto e nell’attenuazione del colore bianco brillante.

Spesso l’arrivo di queste imperfezioni non sono facilmente accettabili.  Il pensiero fisso, che accompagna un importante disagio psicologico e sociale, ha la sua massima espressione nel periodo estivo in concomitanza con l’esposizione solare, quando scoprire il proprio corpo, diviene realmente difficile. Oggi sono numerose le terapie sia psicologiche sia comportamentali, bioenergetiche, post traumatiche che associate a farmaci adeguati al quadro clinico, supportano il paziente in un percorso di crescita e di consapevolezza. In alcuni casi, sarà utile avvalersi anche di rimedi omeopatici o complessi floreali che, associati a trattamenti di medicina rigenerativa, possono portare a un’importante miglioria della problematica, anche da un punto di vista medico estetico.

Previous Scienza, trovato il segreto dell’eterna giovinezza
Next Napoli: maxi sequestro di botti illegali

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

Sentenza della Corte d’Appello di Torino: l’uso del cellulare può causare tumore

Prove per la scienza, finora, non ce ne sono, ma nel giudicare la causa di un dipendente Telecom Italia colpito da neurinoma del nervo acustico, la Corte d’Appello di Torino

Approfondimenti

L’EPOCA DELLE SCISSIONI TRISTI. IL CASO D’ALEMA-SCOTTO.

«Diamoci del lei». Di fronte a Michele Santoro così rispondeva uno stizzito presidente del Consiglio a un giovane militante del suo partito che, contestando l’intervento in Kosovo, gli si era

Approfondimenti

Barcellona, morta anche l’italo-argentina Carmen Lopardo. E’ la terza vittima italiana. Caccia a un giovane marocchino, potrebbe essere lui l’autista-killer

Una turista italo-argentina di 80 anni è la terza vittima italiana dell’attentato di Barcellona di due giorni fa. A dare notizia della morte di Carmen Lopardo, residente nel Paese sudamericano

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi