Analfabetismo religioso: la piaga che l’Italia deve curare

E’ da segnalare un recente ponderoso volume di studi sull’analfabetismo religioso in Italia (Rapporto sull’analfabetismo religioso in Italia, a cura di Alberto Melloni, Il Mulino, Bologna 2014), realizzato dalla Fondazione per le Scienze Religiose Giovanni XXIII, che raccoglie saggi, studi e note di storici, giuristi, sociologi, teologi e pedagogisti su una forma di analfabetismo non di scarso peso in una società complessa e differenziata. E’ nota «l’ignoranza totale  della Bibbia» in Italia, attestata da sondaggi, gli scarsi risultati dell’Irc (Insegnamento della religione cattolica) nella scuola pubblica – anche se è acclarato  secondo lo storico Alberto Melloni  che «il cattolicesimo non  è una religione, nemmeno nella propria autodefinizione, ma semmai una confessione appartenente al Cristianesimo come esperienza di fede» (Ib., 6 ) , una rottura nella catena della socializzazione religiosa da parte della famiglia ed una sorta di irrilevanza  delle forme religiose tradizionali da parte delle giovani generazioni.

Privilegiando l’approccio storico alle dinamiche del fenomeno, il curatore osserva che l’analfabetismo religioso italiano «non nasce dal nulla come un fenomeno da misurare sociologicamente nell’istante del presente, se lo si intende come l’accettata mancanza  di strumenti di conoscenza  di una esperienza di fede, i testi sacri che la fondano, le sue pratiche culturali, le norme interne ed esterne, i dinamismi storici che la percorrono – esso è parte integrante della storia italiana. In un certo modo può esserne considerato un frutto. Infatti la mancanza di strumenti  per capire il vocabolario del religioso e per analizzarne i dinamismi non viene da un “dato” sociologico ma dalla storia» (Ib., 5). Il Rapporto presenta un approccio interdisciplinare per lo studio  del fenomeno, in cui ha parte in vari studi anche quello sociologico per la comprensione dei dinamismi sociali e dell’attuale contesto socio-religioso.

A questo proposito per non ridurre la problematica dell’analfabetismo religioso al solo Insegnamento della religione cattolica con i suoi annessi e connessi  ai rapporti Stato-chiesa, gli studi di carattere sociologico mettono in rilievo un mutato contesto nella società italiana per quanto riguarda la differenziazione religiosa interna ed esterna per il pluralisno delle fedi in riferimento  alle nuove religioni portate dagli  immigrati che con la loro cultura hanno portato secondo V. Pace anche i loro dei. Sotto il profilo della differenziazione interna  si può osservare per esempio un  polo  differenziato che raggruppa, cattolici, ortodossi di varia provenienza ed obbedienza, evangelici,  chiese pentecostali, e così via. La mappa religiosa dell’Italia manifesta una pluralismo religioso non solo per l’avvento delle religioni degli immigrati, anche se non sempre una loro visibilità ed un  dialogo interreligioso, che si ripercuote nella scuola  ed in vari ambiti di vita per il riconoscimento di pratiche culturali e religiose.

L’analfabetismo religioso di cui soffre l’Italia è vasto e merita di essere posto sotto osservazione:  insiste su una società che è pluralista de facto  ma che non ha gli strumenti critici  per trarne le conseguenze nello spazio pubblico. Diversi contributi, come è comprensibile, sono dedicati all’Irc sotto vari aspetti, storici, giuridici, sociologici, pedagogici. Ma l’analfabetismo non si identifica e non si esaurisce nel paradosso di un “ora” che dipende dall’autorità del vescovo, ma che si sforza di presentarsi come strumento di cultura incardinato in una antropologia (“cristiana”) che non può essere atemporale.

Questo primo Rapporto ha inteso mostrare «come si possa ( e dunque si possa) entrare in questo ambito del sapere  con strumenti adeguati e conoscenze raffinate (…). L’analfabetismo  (del) religioso è una piaga non meno grave di quella  costituita  dall’analfabetismo tout court: i dati internazionali oggi a disposizione spiegano che il problema è quanto mai vasto e diffuso sia in Europa sia fuori» (Ib., 11). Il Rapporto è uno strumento che storicizza e tematizza con un’analisi critica e complessa il tema dell’analfabetismo religioso non solo in Italia. Delinea scenari, analizza esperienze, discute strumenti per curare  l’analfabetismo religioso, propone mappe  del religioso e geografia delle good practices nella scuola ed in ambienti di vita e lavoro.

Previous Scampia, quando i cittadini si uniscono, nascono le storie più belle
Next Un linguaggio smart per una nuova Europa

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

A LAS VEGAS CI SONO LE START UP DEL MADE IN ITALY

La missione italiana dall’altisonante titolo ‘Made in Italy, The Art of Technology’ raggrupperà al booth 53221, in uno spazio dedicato all’Italia, 50 realtà selezionate, provenienti da tutta la penisola e

Officina delle idee

NAPOLI , LE INIZIATIVE IN OCCASIONE DEL GIORNO DELLE MEMORIA !

Sono tanti gli appuntamenti  e gli eventi programmati a Napoli in occasione del Giorno della Memoria. Una giornata commemorativa per ricordare ciò che non deve essere dimenticato in onore delle

Officina delle idee

«IL SUD RISORGE SOLO SE UNITO, NEL GOVERNO UN PROBLEMA CULTURALE»: IL MERIDIONALISMO DI ANTONIO BASSOLINO

“Il Sud tra decadenza e rinascita”, questo il tema al centro del dibattito promosso ed organizzato dalla Fondazione Sudd e tenutosi a Casina del Principe. Un confronto ampio e ricco

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi