ANCORA EMERGENZA MIGRANTI: NUOVA FRONTIERA TRA AUSTRIA E ITALIA?

«Molti migranti sono arrivati e molti ne arriveranno. Dobbiamo essere molto preparati e meglio organizzati su questo. La situazione è molto cambiata rispetto al passato. E l’Europa è al fianco dei paesi più colpiti come la Grecia e l’Italia». A dirlo è stato il commissario europeo per la Migrazione, Dimitris Avramopoulos, che ha sottolineato il fatto che i paesi dell’Unione Europea non erano preparati ad affrontare un’emergenza del genere, del tutto inaspettata, e ciononostante hanno fatto quanto era in loro potere per tentare di arginare il problema e limitare i danni. «Questo è il momento per dimostrare solidarietà e responsabilità».

Nel frattempo, però, l’Austria ha fatto sapere che disporrà di 250 poliziotti, ai quali potrebbero aggiungersi anche dei soldati in caso di necessità, istituire dei controlli al Brennero. L’intenzione del governo austriaco sarebbe quella di allestire una frontiera al confine con l’Italia, proprio lungo il Brennero, in Trentino, ed è infatti al nostro governo che si rimanda la decisione ultima.

Il capo della polizia tirolese Helmut Tomac ha spiegato cosa intende fare l’Austria, per la precisione: «Si tratta di una normale rete e non di un filo spinato. Sarà allestita solo se necessario in caso di massiccio arrivo di migranti», ha detto riferendosi alla rete di 370 metri il cui allestimento dovrà essere stabilito, appunto, in totale accordo col governo italiano.

Ma l’Italia, a quanto pare, a giudicare almeno dalle prime risposte delle autorità, non è tanto d’accordo: «L’ipotesi di chiudere il Brennero è sfacciatamente contro le regole europee, oltre che contro la storia, contro la logica e contro il futuro» è stata la reazione di Matteo Renzi, mentre Angelino Alfano ha giudicato la scelta dell’Austria «contro la logica e il buonsenso. siamo al minimo storico nei flussi di attraversamento tra Italia e Austria. Il nostro compito è convincere i nostri partner austriaci dell’insensatezza dei loro comportamenti».

Anche Avramopoulos si è dimostrato immediatamente critico nei confronti della decisione di Vienna, dove, tuttavia, i provvedimenti nei confronti dei migranti continuano a farsi ugualmente più severi. Il diritto d’asilo, per esempio, non potrà più essere concesso quando verrà istituito lo stato d’emergenza, ovvero quando la sicurezza e l’ordine pubblico potrebbero essere messi a repentaglio da un alto flusso di profughi; in tal caso i profughi potranno essere bloccati al confine e rimandati in altri Paesi.

Previous "LA LETTURA LIBERA", A POGGIOREALE L'INCONTRO CON LE SCRITTRICI ILARIA URBANI E ROSANNA DI CROSTA LANDI
Next I LIONS DI CASERTA CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE. CONVEGNO AL LICEO MANZONI

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

VIAGGIO NELLA NAPOLI CHE NESSUNO SI ASPETTA TRA MISTERO ED ENORME BELLEZZA

Il Tunnel Borbonico, già ribattezzato Galleria Borbonica, prende il nome dal re Ferdinando II di Borbone che nel 1853 ne avviò la realizzazione allo scopo di creare un collegamento segreto

Officina delle idee

“RISVEGLIAMOCI IN CORTILE”, UNA CAMPAGNA PER L’UTILIZZO DI CORTILI E GIARDINI SCOLASTICI

Risvegliamoci in cortile è una campagna per l’utilizzo di cortili e giardini scolastici, auspicio di ripartenza dopo il lungo inverno della scuola pubblica e privata italiana. L’uscita dalle aule per

Officina delle idee

AVELLINO SI TUFFA NEL PASSATO, RIVIVENDO GLI USI E I COSTUMI PROPRI DEL MEDIOEVO CON LA XIII EDIZIONE DI “RITORNO AL MEDIOEVO”

Un tuffo nel passato per rivivere gli usi e costumi della vita medioevale, con musica, enogastronomia, mestieri di altri tempi e rievocazioni storiche con la XIII edizione di “Ritorno al Medioevo”,

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi