ANGELO VASSALLO: BEN VENGA UNA FICTION, SE SERVE A NON DIMENTICARE

La cosa più bella e vera della fiction su Angelo Vassallo è la sua voce che si sente al margine del film tv. Una voce fuori dal coro. In direzione ostinata e contraria. Una voce che oggi, più di ieri, manca. Che si sarebbe fatta sentire concretamente davanti al familismo amorale e all’immobilismo a cui quotidianamente assistiamo.
Giusto per fare un esempio, è sufficiente pensare che – dal 27 gennaio 2014 – ancora stiamo aspettando una soluzione concreta al cedimento di un pilone, tra Prignano Cilento e Agropoli. Una situazione che ha generato enormi disagi, non solo ai cilentani, con ripercussioni anche economiche (riduzione del flusso turistico, giusto per citarne uno).
E, ovviamente, visto che ormai le elezioni per le Regionali sono passate – con tutte le chiacchiere del caso -, non servendo più voti (pochi, rispetto a quelli che sarebbero necessari per essere numericamente influenti), le questioni concernenti questa terra torneranno nel dimenticatoio. Una fiction che ti lascia un po’ d’amaro in bocca per tanti motivi. Un po’ troppo romanzata, sommaria e veloce per i mie gusti (avrei preferito più un lavoro giornalistico, come quello fatto in programmi tipo “Cose nostre” di Rai 1). Perché è vero che questo è un territorio con tante zone d’ombra (cosa che ci dovrebbe responsabilizzare in maniera costruttiva e farci aprire gli occhi al fine di evitare che il cancro della malavita organizzata sviluppi metastasi – sotto varie forme – nel nostro territorio), ma ci sono anche dei punti di luce. E, forse, sotto quest’ultimo aspetto, la fiction è stata un po’ ingenerosa (in particolar modo riguardo agli abitanti di Acciaroli e dei cilentani, in generale).
Ma, soprattutto, perché ci ricorda che – dopo quasi sei anni – ancora l’omicidio di Vassallo non ha colpevoli. E, che ci sia piaciuto o meno quello che abbiamo visto in tv, è questo l’aspetto più importante, perché mantiene viva l’attenzione sulla vicenda a livello nazionale. Visto che, da quel 5 settembre, nessuno degli abitanti del Cilento ha dimenticato e vuole dimenticare l’accaduto, e brama con veemenza che si faccia chiarezza e giustizia, in quanto è diventato un dovere morale e civico mantenere vivo l’esempio di legalità che è costato la vita ad Angelo Vassallo.

Previous MAURIZIO GASPARRI, POLEMICA PER I NASTRI ARCOBALENO?
Next CHE SIGNIFICA AMARE? ANDARE OLTRE IL PREGIUDIZIO!

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

“GRECO DI TUFO EXPERIENCE”: LA PRIMA VERTICALE STORICA DEL VINO RAONE ALL’ENOTECA DIVINO , NEL CUORE DEL BORGO DI TUFO

È a Tufo nel cuore dell’Irpinia, quella più vera e legata alle tradizioni, che il 18 Novembre alle ore 20:30 si celebra il vino. E quale se non il rinomato

Officina delle idee

Mario Esposito: “Dopo i medici sarà l’ora di intellettuali, artisti, sociologi per curare l’anima di un Paese ferito”

“Dopo i medici in trincea per l’emergenza sanitaria, ci dovranno essere al fronte artisti, intellettuali, sociologi per curare l’anima di un Paese in ginocchio”: così dichiara il patron del Premio

Officina delle idee

YouTube sta per rilasciare un nuovo strumento per contrastare la copia dei video

YouTube sta per rilasciare un nuovo strumento per contrastare la copia dei video. Si chiama Copyright Match Tool e funziona in questo modo: gli autori dei contenuti si limiteranno a

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi