ANNUALITA’ DI STIPENDIO PER COMPRARE CASA, DOPO ANNI DI RIBASSI LE ANNUALITA’ INIZIANO A SALIRE

A livello nazionale sono necessarie 6,2 annualità di stipendio per comprare casa. L’analisi delle compravendite realizzate attraverso le agenzie sul territorio nazionale nel secondo semestre del 2016 evidenzia che il 9,0% degli acquisti è stato effettuato da soggetti in pensione. Rispetto ad un anno fa (secondo semestre 2015) non si registrano variazioni significative della percentuale di acquisto da parte di pensionati, si passa infatti dal 9,3% al 9,0% attuale.
I pensionati nel 60,3% dei casi hanno comprato l’abitazione principale, nel 26,9% dei casi hanno comprato per investimento ed infine il 12,8% degli acquisti ha riguardato la casa vacanza. Rispetto ad un anno fa aumenta la percentuale di acquisti per investimento (+1,4%).

Restando su questo target di acquirenti si è constatato che solo il 9,3% degli acquisti è stato effettuato con l’ausilio di un mutuo, mentre il 90,7% della compravendite è avvenuto senza l’intervento da parte di istituti di credito.
Le richieste dei pensionati si sono concentrate maggiormente sui trilocali (35,4%), seguiti dai bilocali (29,0%) e dai quattro locali (13,6%); ville, villette, rustici, case indipendenti e semindipendenti compongono insieme l’11,3% degli acquisti.
Il 65,8% dei pensionati che ha acquistato attraverso le agenzie del Gruppo Tecnocasa è coniugato o è comunque una coppia, il 17,1% è celibe/nubile, il 12,5% è vedovo e il 4,6% è separato/divorziato.
Spostando l’attenzione sui venditori risulta che quasi un terzo di coloro che hanno venduto casa nel secondo semestre del 2016 è un soggetto in pensione (29,6%). Il 65,8% dei pensionati ha venduto per reperire liquidità, il 20,8% per migliorare la qualità abitativa ed il 13,4% per trasferirsi in un altro quartiere o in un’altra città.

 

 

 

 

Previous AGGREDISCE E MINACCIA LA MOGLIE E IL FIGLIO
Next "Tutta n’ata storia", la seconda edizione nella splendida cornice della Reggia di Portici

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

SIGLATO IL PROTOCOLLO D’INTESA PER REALIZZARE UNA FILIERA DELLA CONCILIAZIONE IN CAMPANIA

Impegnarsi a promuovere la cultura della conciliazione, dell’uso responsabile del tempo, incentivando misure ed azioni per modelli organizzativi che armonizzino la vita del lavoro con quella privata, senza smettere di

Economia e Welfare

Debiti Gori Spa, M5S: “La Giunta Campania finalmente si è accorta del nuovo debito milionario accumulato dalla società che gestisce il servizio idrico integrato nell’ATO 3

“Da tempo denunciavamo il nuovo abnorme debito di oltre 92 milioni di euro accumulato dal carrozzone Gori Spa. La settimana Commissione Ambiente, Energia, Protezione civile a seguito della nostra mozione

Economia e Welfare

Elezioni RSU 2018: Grande affermazione della Cisl

La Cisl IrpiniaSannio esprime soddisfazione per il risultato ottenuto alle elezioni RSU 2018. Il nostro ringraziamento va ai dirigenti sindacali, ai candidati che hanno rappresentato con dignità e competenza i nostri

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi