APPLE NON DARA’ PIU’ I DATI SULLE VENDITE DI IPHONE E IPAD

Apple non comunicherà più i dati sulle vendite di iPhone, iPad e Mac. ”Le vendite” dei singoli prodotti ”non sono rilevanti per noi a questo punto” spiega il chief financial officer di Cupertino, Luca Maestri, mettendo in evidenza come il numero di unità vendute in ogni trimestre non e’ rappresentativo della performance della società.

Cupertino ha chiuso un terzo trimestre record ma a Wall Street i titoli arrivano a perdere oltre il 7% facendo scivolare la capitalizzazione di mercato di Apple sotto la soglia dei 1.000 miliardi di dollari, un tetto storico che e’ stata la prima a battere. A pesare, così come accaduto nei giorni scorsi per Amazon, sono le stime deboli per il quarto trimestre.

Cupertino prevede che i ricavi degli ultimi tre mesi dell’anno, quelli che includono il Natale, si attesteranno fra gli 89 e i 93 miliardi di dollari, sotto le stime degli analisti. Nel terzo trimestre Apple ha registrato ricavi in crescita del 20% a 62,9 miliardi di dollari, con un utile netto in aumento del 32% a 14,2 miliardi di dollari. I ricavi dai servizi sono cresciuti del 17% a 10 miliardi di dollari. Fra luglio e settembre Cupertino ha venduto 46,89 milioni di iPhone contro i 47,5 milioni previsti.

Un andamento pressochè piatto come emerso nei trimestri precedenti e che Apple ‘combatte’ con l’aumento dei prezzi. Ma anche abolendo le comunicazioni sulle vendite dei singoli dispositivi: Cupertino non pubblicherà più i dati su iPhone, iPad e Mac.

Previous Robot indossabili diventano soffici
Next Taranto candidata a Giochi Mediterraneo 2025

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

APPLE PREPARA PER IL 2019, UN NUOVO IPAD CON UN RICONOSCIMENTO FACCIALE FACE ID CAPACE DI RICONOSCERE I VOLTI

Apple si prepara a sostituire la lettura delle impronte digitali col sistema di riconoscimento facciale Face ID anche sulla nuova generazione di iPad che sarà svelata nel 2018.A differenza della

Approfondimenti

Le parole misteriose della Scienza: la Nutraceutica

Presso l’Università Suor Orsola Benincasa, nell’ Aula Magna,  si sono riuniti più di 400 studenti degli ultimi anni degli Istituti Superiori di Napoli e di Pozzuoli, per partecipare al III

Approfondimenti

LA FLORIDIANA, IL DONO D’AMORE DI “RE NASONE” ALLA SUA AMATA

Quando, all’alba del 1806, la seconda invasione napoleonica nel Regno di Napoli condusse Ferdinando di Borbone e la sua consorte, Maria Carolina d’Asburgo Lorena, a capitolare in Sicilia per nove

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi