AREA NORD DI NAPOLI, MOXEDANO:” NON E’ PIU’ PENSABILE CONTINUARE AD USARE AREE COME LA CASERMA BOSCARIELLO O LA EX CENTRALE DEL LATTE PER SISTEMARE ROM, L’AREA NORD DI NAPOLI HA BISOGNO DI SVILUPPO E RINASCITA”

A mio giudizio si commette un errore se si decide di perseguire la strada che porterà a nuovi campi Rom nell’area Nord di Napoli, poiché proprio quella zona della città è stata tra le prime, in passato ad ospitare campi Rom, qui infatti tra Scampia e Secondigliano fu istituito il primo campo Rom con moduli abitativi. Oggi quindi non è più pensabile continuare ad usare aree come la caserma Boscariello o la ex centrale del latte per sistemare i Rom, l’area Nord ha bisogno di sviluppo e rinascita“.  Così si è espresso  il Consigliere Regionale e presidente del gruppo misto, Francesco Moxedano:” Inoltre questa Amministrazione comunale e il sindaco devono anche porsi il problema di trovare una alternativa all’autoparco dei mezzi Asìa, che sorge in quelle zone, dove sono accatastati mezzi in disuso, dove mancano le norme di sicurezza minime insomma una vera e propria bomba ecologica pronta ad esplodere. Infine dico basta a queste scelte scellerate dell’amministrazione che penalizzano i giovani dell’area Nord e che non prevedono alcun tipo di sviluppo per la zona”.

Previous SANITÀ, BENEDUCE (FI): "INTERROGAZIONE SU CONTROLLI E PROFILASSI IMMUNITARIA"
Next NAPOLI : DOPO SEI MESI CROLLA L'IMBATTIBILITA' AZZURRA

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

Speranza: “Trovato un accordo per le dosi del vaccino da Oxford”

Insieme ai Ministri della Salute di Germania, Francia e Olanda, dopo aver lanciato nei giorni scorsi l’alleanza per il vaccino, il ministro della Salute Roberto Speranza ho sottoscritto un contratto

Economia e Welfare

Unicef, 110mila casi morbillo in primi mesi 2019, +300%

Nei primi mesi del 2019, sono stati riportati più di 110mila casi di morbillo nel mondo, il 300% in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Lo sottolinea ed evidenzia

Economia e Welfare

A San Pietro Vernotico un esempio di bene confiscato alla mafia che va al servizio della collettività

Si trova a San Pietro Vernotico tra via Albatros e via Ibis, in contrada “Canimazzi” su un terreno confiscato alla criminalità organizzata e che ora fa parte del patrimonio indisponibile

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi