Arrivano le stelle cadenti d’autunno, le Orionidi

La notte di San Lorenzo, come ogni anno, milioni di persone alzeranno il naso al cielo per vedere le stelle cadenti. Ma come mai le osserviamo proprio in questo periodo?

La notte tra il 12 e il 13 agosto cade la sera di San Lorenzo. In questo momento magico, il cielo è attraversato da uno sciame di stelle cadenti che sembrano protendersi verso la terra. Tradizione vuole che le persone che riescano a vederne una possano esprimere un desiderio che, secondo gli ottimisti, dovrebbe avverarsi. Sono stati scritti libri e realizzati film su questo fenomeno scientifico, che in realtà ha una spiegazione molto razionale. Nessuna fata discende sul nostro pianeta a cavallo di stelle cadenti, e di certo queste non trasportano nemmeno alieni pronti a invaderci. Ma come mai le vediamo proprio nella notte di San Lorenzo?

Il perché la notte di San Lorenzo  e il mese di agosto in generale sia attraversata da questi fasci luminosi, è in realtà molto semplice. Partiamo chiarendo un concetto: quelle che vediamo non solo stelle cadenti, ma meteoriti che, quando si scontrano con l’atmosfera terrestre, prendono fuoco creando la famosa “coda”. Questo fenomeno è particolarmente visibile in agosto perché, proprio in questo periodo dell’anno, la Terra passa all’interno di uno sciame di meteore. Stiamo parlando delle Perseidi, chiamate in questo modo perché provengono dalla costellazione di Perseo.

Quest’anno per chi se le fosse perse nel periodo estivo arriva un’altra opportunità, occhi al cielo in queste sere di ottobre: sono in arrivo le Orionidi, le stelle cadenti d’autunno, così chiamate perché sembrano provenire da una regione nei pressi della costellazione di Orione. “Si tratta di meteore originate da polveri e detriti persi dalla cometa di Halley durante vecchi passaggi vicino al Sole”, spiega Paolo Volpini, dell’Unione Astrofili Italiani (Uai).

La pioggia delle stelle cadenti di autunno, le Orionidi, visibili tra il 18 e il 23 ottobre. (fonte: Jeff Sullivan, flickr) © Ansa
Il periodo migliore per vedere la pioggia delle Orionidi è tra il 18 e il 23 ottobre. In condizioni ideali se ne possono scorgere alcune decine nell’arco della notte. “In ottobre infatti – precisa Volpini – le giornate iniziano ad accorciarsi vistosamente, in media di 1 ora e 21 minuti. E con le notti più lunghe – aggiunge l’esperto – si presentano le condizioni ideali per osservare il cielo. Dopo mezzanotte godremo di una finestra osservativa utile fino a circa le 3:30. Più tardi – precisa Volpini – la Luna inizierà a disturbare col suo chiarore”.

Non c’è una serata privilegiata per le osservazioni, fanno sapere gli esperti. “Le Orionidi non hanno un unico massimo ma una serie di variazioni della frequenza, dato che la Terra – precisa Volpini – nel suo moto nello spazio incontra zone più o meno dense di meteore. L’osservazione degli sciami meteorici inoltre – chiarisce l’esperto – è più proficua quando il punto di provenienza delle meteore, il cosiddetto radiante, è alto in cielo. Nelle prime ore dopo il tramonto Orione non è ancora sorto, ma si trova ancora sotto l’orizzonte. Bisogna, quindi, aspettare la seconda parte della notte – conclude Volpini – per vedere crescere il numero di meteore dello sciame”.

Previous Siria, vacilla la tregua ripresi i combattimenti su Ras al Ayn si contano gia diverse vittime
Next Clima, nuovo allarme dallo spazio: si allargano le crepe nel ghiacciaio dell'Antartide

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

Petrolio, il Consiglio regionale approva all’unanimità il referendum. D’Amelio: “La scelta torni ai territori”

Il Consiglio regionale approva all’unanimità la proposta referendaria che verte sullo Sblocca Italia e il Decreto Sviluppo. I 42 consiglieri presenti, aldilà delle enunciazioni di principio, hanno avallato il testo

Approfondimenti

Plastic free: ecco come utilizzare meno plastica anche in casa

Il problema della plastica è più grande e importante di quanto si creda e ridurne lo spreco è sempre più imprescindibile. Ecco alcune buone abitudini secondo Vanity Fair da mettere

Approfondimenti

I MITI DI NAPOLI : LA LEGGENDA DEL CRISTO VELATO

Il Cristo velato  è uno dei più grandi capolavori della scultura di tutti i tempi. Fin dal ’700 viaggiatori più o meno illustri sono venuti a contemplare questo miracolo dell’arte,

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi