ARTE, MUSICA E TECNOLOGIA CELEBRANO IL GRANDE GIOTTO

Arte, musica, parola e tecnologia celebrano il genio di Giotto nei 750 anni dalla nascita con una grande mostra allestita dal 13/7 al 5/11 a Venezia, nella Scuola Grande della Misericordia. E’ la prima delle tre esposizioni della trilogia Magister sui più celebrati maestri dell’arte italiana, che nell’estate del 2018 racconterà Canova e il Neoclassico, nel 2019 Raffaello Sanzio.
Prodotto da Cose Belle d’Italia Media Entertainment, il progetto espositivo vuole promuovere il pensiero e l’arte italiana a livello internazionale, puntando a una dimensione spettacolare capace di trasformare la fruizione culturale in una forma di intrattenimento con valore universale, coniugando ricerca e tecnologia multimediale e coinvolgendo anche musicisti, scrittori, attori, scenografi.
Nel caso di Giotto, capolavori, suggestioni ed emozioni illustreranno la rivoluzione compiuta nel tardo Medioevo dal maestro toscano, che ha rinnovato l’arte occidentale aprendo la strada al Rinascimento e quindi all’età moderna.

(ANSA)

 

 

Previous EUROPEI UNDER 21, ITALIA-DANIMARCA : UN DEBUTTO DA NON FALLIRE
Next Il Vescovo Di Tora,presidente della Fondazione Migrantes:"Il mov5s sullo ius soli ha una posizione ambigua.La riforma farebbe diventare cittadino chi di fatto già lo è."

L'autore

Può piacerti anche

Cultura

LA MOSTRA D’OLTREMARE OSPITA LA “FIERA CREATTIVA”, DEDICATA ALLE ARTI MANUALI

 Fino a domani,  domenica 12 novembre 2017, i padiglioni 5 e 6 della Mostra D’Oltremare di Napoli, ospiteranno la “Fiera Creattiva“, l’esposizione dedicata alle arti manuali dove si potranno trovare ispirazioni di ogni

Cultura

Dutty Beagle ,La Campagna del Rumore :”La vita è una goccia: bevila in fretta”

“La campagna del rumore” è il nuovo album di Dutty Beagle: 9 brani dove coesistono critica sociale e ironia, il reggae e il folk, il rap e il pop, il

Cultura

Paolo Sorrentino dirige il nuovo numero di Vanity Fair, un’operazione a metà tra cinema ed editoria

Il premio Oscar Paolo Sorrentino è il direttore artistico nel nuovo numero di Vanity Fair, in edicola dal 20 maggio. Nelle mani del regista, il giornale diventa un progetto che scrittura un

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi