ARTICOLO UNO,DEMOCRAZIA E LAVORO.MICHELA ROSTAN:”COSTRUIAMO IL NOSTRO MOVIMENTO DAL BASSO.”

E’ ufficialmente partita l’avventura di Articolo Uno – Movimento Democratico e Progressista. Mercoledì scorso, a Roma, abbiamo presentato il nuovo logo e spiegato le ragioni di fondo che animeranno la presenza politica di questo nuovo soggetto. Ma gli appuntamenti continueranno a ritmo incalzante, soprattutto sui territori. Ho già partecipato alla costituzione del primo comitato cittadino del nuovo movimento, a Ponticelli. La sede, presso l’associazione “Napoli, terra mia”, in via Cupa S. Pietro 37, con il consigliere della VI Municipalità, Rosario Sacco, coordinatore del Comitato. Insediarci a Ponticelli ha qualcosa in più di un significato simbolico. E’ il senso di  quello che sarà il nostro impegno. Lavoro sociale, periferie, la politica tra le persone.
Il nostro orizzonte è costruire un partito moderno e di sinistra, non velleitario, tutt’altro che testimoniale, con l’ambizione della sfida di governare il Paese, ma di farlo dalla parte di chi è rimasto indietro. Costruiamo il nostro Movimento dal basso, nei luoghi della sofferenza sociale, dove la sinistra deve stare. Costruiamo con le persone la nostra agenda politica.
Lo dice anche il nome che abbiamo scelto e il logo presentato. Un tricolore e un simbolo semplice e perentorio, come un grido: il richiamo in lettere al primo articolo della Carta costituzionale. Parliamo dei pilastri della politica partecipata: la repubblica, il lavoro, la democrazia e la sovranità popolare. Quattro punti cardinali da opporre alla demagogia, al populismo, all’uomo solo al comando, alle ingiustizie sociali, all’autoreferenzialità della politica, alla chiusura nelle stanze del potere. Le nostre basi ideali sono gli elementi storici della cultura di sinistra, e da quelle vogliamo ripartire per aprire il campo, essere inclusivi, guardare al cambiamento declinandolo nei termini di uguaglianza, giustizia sociale, welfare, occupazione, integrazione.
Lo ha detto, mercoledì a Roma, Massimo D’Alema, ricordando la figura di Alfredo Reichlin. E loi ha ribadito Roberto Speranza, sottolineando che la mancanza di lavoro toglie dignità alle persone, e mette in crisi la democrazia. Lavoro e democrazia, quindi, sono anelli della stessa catena e devono stare insieme in un progetto politico dall’orizzonte lungo. Noi abbiamo lanciato la nostra sfida, con coraggio, e la rilanceremo ogni giorno sui territori. Gli occhi, fin da oggi, sono puntanti sulla prima assemblea nazionale dei comitati promotori del Movimento Articolo Uno, che si terrà proprio a Napoli, alla Stazione marittima, il prossimo primo aprile.
Appuntamento lì, tutti insieme.

MICHELA ROSTAN

Previous PADRE PIZZUTI:"LA PROFEZIA DI PAOLO VI:CINQUANT'ANNI ANNI FA L'ENCICLICA POPULORUM PROGRESSIO."
Next Un Sabato delle Idee interamente dedicato al vino tra arte, scienza, filosofia ed economia

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

Covid-19, è guarito Mattia: «Sono tornato come avevo promesso alla mamma»

L’ultima cosa che Mattia ricorda, lo ha raccontato al Corriere della Sera, è proprio la voce del medico della terapia intensiva. «Ora chiama la mamma, dille che ti intubiamo, che andrà

Officina delle idee

LA STORIA DI POMPEI CON “POMPEI, THE INFINITE LIFE” SBARCA CON UNA MOSTRA INEDITA IN CINA

“Pompei, the infinite life” è il titolo della mostra itinerante che sbarcherà in Cina il prossimo febbraio: centoventi reperti, selezionati dal MANN con la supervisione scientifica di Pietro Giovanni Guzzo. L’esposizione,

Officina delle idee

L’INTELLIGENZA ARTIFICIALE : MINACCIA O PROGRESSO?

La questione dell’intelligenza artificiale  è affrontata di volta in volta sotto due correnti contrapposte, ovvero è una minaccia o fonte di progresso? Oramai viviamo in una società in continua evoluzione e

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi