ASSISTENZA SANITARIA, L’ALLARME DELL’ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO

L’allarme è stato diffuso da un rapporto dell’Organizzazione internazionale del lavoro (OIL), organismo in seno alle Nazioni Unite. I dati sono poco rassicuranti si stima che oltre la metà della popolazione mondiale non gode di alcuna forma di assistenza sanitaria, neanche la più elementare.  I numeri raccolti fanno capo  a oltre 100 paesi e fornite da 114 governi, descrivono una situazione critica che non favorisce la stabilità sociale e aggrava l’illegalità.  Non è tra le migliori la percentuale dei paesi garantiscono la sicurezza del reddito per i bambini, meno del 60 per cento. Ed è proprio l’infanzia a soffrire maggiormente di queste carenze dato che, come sottolinea l’UNICEF, «la protezione sociale è essenziale per aiutare i bambini a uscire dalla povertà e a salvarsi dai suoi effetti devastanti». Invece, nel mondo, solo il 35 per cento dei bambini ha accesso a una forma di protezione sociale e le cifre variano dall’87 per cento dei bambini europei e dell’Asia centrale al 66 per cento di quelli che vivono in America, al 16 per cento dei bambini africani. Di conseguenza un bambino su cinque vive in povertà con meno di 1,90 dollari al giorno, mentre quasi la metà cresce in una situazione definita povertà moderata che significa tirare avanti con 3,10 dollari al giorno. Restano ancora molto basse le percentuali che emergono, sarebbe necessario un interessamento e più attenzione da parte dei governanti e dei politici verso un cosi delicato settore.

 

Raffaele Fattopace

Previous Google brevetta uno schermo pieghevole
Next Travolge e uccide un uomo, si costituisce

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

Giornalista italiana fermata a Khartoum

Antonella Napoli, giornalista, dirigente dell’associazione di ‘Articolo 21’ e fondatrice dell’onlus ‘Italians for Darfur’, è stata fermata “da persone qualificatisi come agenti di polizia” a Khartoum, in Sudan, dove sta

Qui ed ora

GENTILONI: ” HO DECISO DI CANDIDARMI NEL COLLEGIO UNINOMINALE DI ROMA 1 ALLA CAMERA DEI DEPUTATI, ACCETTANDO LA PROPOSTA DEL MIO PARTITO”

“Ho deciso di candidarmi nel Collegio uninominale di Roma 1 alla Camera dei Deputati, accettando la proposta del mio partito. Spero di contribuire al risultato del Pd e della coalizione

Qui ed ora

IL PD DOVREBBE ISPIRARSI DI PIU’ ALLA SEMPLiCITA’. TORNIAMO A FREQUENTARE LE SEZIONI DI PARTITO!

Il problema vero è che un grande partito come il PD dovrebbe ispirarsi di più alla SEMPLICITA’! Dovrebbe stabilire una volta e per sempre regole certe di partecipazione, non solo

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi