Auto, vendite Europa +5,1% a giugno

Giugno positivo per il mercato europeo dell’auto. Le immatricolazioni nei 28 Paesi dell’Unione Europea e dell’Efta (Islanda, Norvegia e Svizzera) sono state 1.618.985, il 5,1% in più rispetto allo stesso mese dell’anno scorso. Nei primi sei mesi dell’anno sono state vendute 8.695.785 auto, il 2,8% in più sull’analogo periodo 2017. I dati sono dell’Acea, l’Associazione europea dei costruttori d’auto.
Il gruppo Fca ha venduto a giugno, nell’Europa dei 28 più i Paesi dell’Efta, 104.102 auto, il 2,6% in meno dello stesso mese dello scorso anno. La quota scende dal 6,9% al 6,4%. Riduce il calo delle vendite del Gruppo il marchio Jeep, che con oltre 16 mila registrazioni aumenta le vendite del 72,1%. Nei primi sei mesi dell’anno il Gruppo ha immatricolato 596.800 auto, il 2,1% in meno rispetto allo stesso periodo 2017. La quota è pari al 6,9% a fronte del 7,2%.

Previous OLIMPIADI 2026 : ARRIVA LA CANDIDATURA DI MILANO
Next Operatori del 118 di Napoli sventarono suicidio di una ragazza. Domani, mercoledì 25 luglio, riceveranno un riconoscimento ufficiale dal Consiglio regionale della Campania in sala Nassiriya

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

Amazon si fa vintage, lancia canale per le televendite

Amazon cerca di rafforzare il settore eCommerce con un occhio al passato, puntando sulle televendite. Il sito TechCrunch ha scoperto che l’azienda di Seattle ha lanciato Amazon Live, un canale

Economia e Welfare

PADOAN:” IL RISCHIO PIU’ SERIO IN QUESTA FASE DI ECONOMIA CHE SEMBRA TORNARE ALLA NORMALITA’ E’ PENSARE CHE IL PEGGIO SIA PASSATO E QUINDI MENO O POCO RESTI DA FARE”

“Il rischio più serio in questa fase di economia che sembra tornare alla normalità è pensare che il peggio sia passato e quindi meno o poco resti da fare“. Così,

Economia e Welfare

Usa, il premio Oscar Attard crea videogame per curare bambini con problemi motori

La tecnologia e la ricerca scientifica continuano a compiere passi da gigante nella realizzazione di nuove terapie e metodi per alleviare il dolore delle persone che soffrono. Quando a questi

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi