Avvelenamento da cibo in Croazia: morto un turista italiano, gravi anche due bambini

Un turista italiano, di 57 anni, è morto in Croazia mentre quattro suoi familiari, di cui due bambini, sono in gravi condizioni a causa di quella che sembra un avvelenamento da cibo, forse dopo una cena a base di frutti di mare. Lo rende noto la stampa locale. I cinque avrebbero consumato cozze e altri molluschi in un ristorante di Hvar, in Dalmazia. La magistratura ha aperto un’inchiesta.  Nella mattinata di martedì da uno yacht preso a noleggio è arrivata una richiesta urgente di aiuto al porto di Hvar, sull’omonima isola dalmata specificando che a bordo era morto un uomo di 57 anni.

Le altre quattro persone, suoi familiari, tra cui due minorenni, erano invece in condizioni di salute gravi, con forti diarree, nausea, vomito e addirittura perdita di coscienza. I due bambini sono stati subito trasferiti in elicottero al centro ospedaliero di Spalato, a circa 50km di distanza dall’isola. Poco dopo al reparto per le malattie infettive sono state ricoverate anche la due persone adulte Secondo la stampa croata si tratterebbe di una famiglia italiana in vacanza in Croazia ma per ora non sono stati resi noti altri dettagli sulla loro identità. Sembra che la famiglia lunedì sera abbia consumato una cena a base di cozze e altri molluschi in un noto ristorante di Hvar, e durante la notte tutti hanno iniziato a lamentare malori gastrointestinali. La magistratura ha aperto un’inchiesta e sono in corso indagini.

Previous Crisi di Governo: grandi manovre in attesa del voto in Senato
Next Gassmann lancia lʼhashtag: "#ricoveratelaSindaca". Eʼ bufera social per il tweet che lʼattore ha scritto contro lʼamministrazione della città toscana

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

NAPOLI, DUE FERITI NEL QUARTIERE DI SAN GIOVANNI

Due persone ferite con colpi d’arma da fuoco. E’ questo il resoconto della sparatoria nel rione Villa, quartiere di San Giovanni a Napoli. All’ospedale Loreto Mare, ferito ad un braccio, è arrivato

Qui ed ora

Lidia Ronghi:”L’esempio del nostro operato, può essere testimoniato dal lavoro quotidiano che svolgiamo nel bene confiscato alla camorra e che gestiamo a Miano”

Lidia Ronghi, presidente della Cooperativa “Il quadrifoglio”, è intervenuta nel corso della trasmissione Dentro i Fatti, condotta da Samuele Ciambriello ed in onda su radio club 91 ogni lunedì dalle

Qui ed ora

Scuola, M5S: Il Tar Lazio dice stop alla mobilità dei docenti. Ricorso firmato anche dai campani

“Il Tar del Lazio ha accolto l’istanza di ricorso cautelare presentata da un gruppo di docenti. Nei fatti è un brusco stop al Ministero della Pubblica istruzione sulle procedure di

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi