Banche:in 6 anni assunti 20 mila giovani

Le banche italiane spingono verso il ricambio generazionale dei dipendenti. Negli anni della crisi, dal 2012 al 2018, i primi otto gruppi bancari italiani hanno assunto 20.550 giovani con età inferiore ai 35 anni. E’ quanto emerge da una analisi della Federazione autonoma bancari italiani (Fabi).
Circa il 57% delle assunzioni complessive ha riguardato personale femminile e il 43% il personale maschile. I nuovi ingressi hanno bilanciato i 40.000 esuberi del settore già completati, tutti gestiti solo con pensionamenti e prepensionamenti volontari. In Europa, si è assistito, contemporaneamente, alla perdita di 328.000 posti di lavoro in banca: per il 70% di questi (circa 229.000) si è trattato di licenziamenti.

Previous F1: il 13 febbraio via veli alla nuova Mercedes
Next NAPOLI, MUORE AL PRONTO SOCCORSO, OLTRE 6 ORE DI ATTESA, PARENTI DENUNICANO L’OSPEDALE

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

NAPOLI : PRESSO IL TEATRO AUGUSTEO , ARRIVA L’EVENTO SOLIDALE “SORRIDO A TE “

Venerdì 25 maggio, ore 20:30, presso il Teatro Augusteo , l’associazione Alessandro Peluso onlus, presieduta da Francesco Peluso , presenta l’evento “Sorrido grazie a te”. L’evento solidale, presentato da Gigio Rosa

Economia e Welfare

Francesco Biliari al Festival dell’Economia: “Favorire la concorrenza, abbassando i prezzi al consumo dei prodotti più utilizzati, accesso gratuito per gli asili nido, per la scuola primaria ed infine più trasparenza per poter favorire il tasso di fecondità nei paesi dell’Europa mediterranea”!

In occasione del festival dell’Economia :” diventare genitori :quali pari opportunità?”, Francesco Billiari, demografo università Bocconi di Milano, ha parlato di disuguaglianze che mettono l’Italia nelle condizioni di non diventare

Economia e Welfare

Il COMUNE DI MILANO AD ASSOEDILIZIA: COLLABORAZIONE DECISIVA

Su richiesta del Sindaco di Milano, a corredo del dossier per la candidatura della città ad ospitare EMA-Agenzia Europea del Farmaco che dovrà lasciare Londra a seguito del “referendum Brexit”,

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi