Beneduce (FI): “La sanità deve prestare particolare attenzione ai detenuti”

Flora Beneduce, Consigliere Regionale di Forza Italia, è stata ospite di Samuele Ciambriello per il programma radiofonico “Dentro i fatti”, in onda settimanalmente sulle frequenze di Radio Club 91.

“La Sanità è al limite del collasso, le strutture sono fatiscenti, il personale è insufficiente e le attrezzature sono inadeguate. Il commissariamento dimostra l’incapacità di gestione di questa amministrazione regionale, più impegnata a consolidare la lottizzazione che a occuparsi della salute dei cittadini. È necessario, sin da ora, predisporre un piano per dotare i nosocomi di strumentazioni moderne, per formare professionisti competenti, per potenziare le risorse, per razionalizzare le spese ed evitare gli sprechi. È indispensabile, inoltre, tener conto del paziente, che non ha bisogno solo di cure e prestazioni mediche, ma anche di supporto psicologico e sostegno umano”. E’ quanto si legge sulla home del suo sito web sotto la voce Sanità, una delle sue priorità insieme ai giovani, agli anziani e al turismo in Campania.

Flora Beneduce, intervistata da Ciambriello, ha parlato proprio di sanità, affrontando un tema piuttosto delicato: la sanità nelle carceri.

“Per i detenuti – ha dichiarato l’Onorevole Beneduce – la Sanità non può rappresentare “L’isola che non c’è”. La legge parla chiaro: la salute è un bene inalienabile per chi sta in carcere e per chi è fuori. Chi è in carcere merita un’attenzione particolare perché ai detenuti molte cose sono negate. E’ una situazione drammatica. Vorrei che le Asl fossero più attente alla salute dei carcerati: faccio appello al consigliere Topo perché insieme si può collaborare su questo”.

E sui primi cento giorni del Governo De Luca si è così espressa: “Sicuramente si tratta di un governo nuovo, rappresentato molto bene da parecchi giovani e da consiglieri che scendono in campo per la prima volta con idee innovative e questo è il lato positivo. Nell’ultimo Consiglio regionale, però, è stata approvata una legge sulla burocratizzazione e noi di Forza Italia – ha concluso – non eravamo d’accordo e siamo usciti dall’aula per dissenso perché avremmo voluto che fossero state ascoltate altre voci della minoranza”.

Previous Verna a Radio Club 91: “Sarri ha dimostrato di essere un grande allenatore. Lotito? Corrotto dal potere”
Next A Benevento esonda il fiume calore, città in ginocchio

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

“SPORT E LEGALITÀ”: IL 31 MARZO TRIANGOLARE IN RICORDO DI CIRO ESPOSITO ALL’ARCI DI SCAMPIA

Si disputerà oggi, giovedì 31 marzo, alle ore 20.00 all’Arci di Scampia in via Fratelli Cervi, il triangolare “Sport e legalità” in ricordo di Ciro Esposito, il tifoso azzurro morto

Officina delle idee

PAPA FRANCESCO IN UGANDA: DON SANDRO RACCONTA IL SUO INCONTRO

Don Sandro De Angeli, assistente spirituale di Africa Mission – Cooperazione e Sviluppo, il 28 novembre scorso ha partecipato alla grande celebrazione eucaristica che Papa Francesco ha tenuto presso il

Officina delle idee

Scorie nucleari, verso il Deposito unico nazionale

Per ben due volte negli ultimi trent’anni l’Italia ha detto “NO” all’energia nucleare: la prima con il referendum del 1987 e la seconda con quello del 2011. In questi 24

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi