Brexit: da May impegno a modificare accordo su backstop

Theresa May è pronta a cercare di negoziare con l’Ue modifiche all’accordo di divorzio raggiunto a novembre che introducano garanzie “vincolanti” contro il contestato meccanismo del backstop per l’Irlanda. La premier lo ha detto inaugurando oggi la ripresa del dibattito ai Comuni sul ‘piano B’ sulla Brexit, sullo sfondo del sostegno del governo a un emendamento ad hoc del deputato Graham Brady, mirante a ricompattare la maggioranza e a far rientrare il dissenso dei Tory brexiteers e degli alleati unionisti nordirlandesi del Dup.

Si terrà entro il 13 febbraio il nuovo voto cruciale di Westminster sul piano B per la Brexit che Theresa May si è impegnata a cercare di negoziare con l’Ue, con l’obiettivo di ottenere una modifica per allontanare il contestato backstop sulla questione del confine irlandese. Lo ha detto la stessa premier ai Comuni, precisando di voler tornare in aula anche se il negoziato con Bruxelles dovesse fallire entro il 13, con un statement da sottoporre al dibattito della Camera con votazioni su possibili emendamenti il giorno dopo.

Previous Apple supera Microsoft, si riprende scettro regina del mondo
Next FIORENTINA-NAPOLI :0-0. AZZURRI SPRECONI SOTTO PORTA! OCCASIONE FALLITA PER LA SQUADRA DI ANCELOTTI

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

Dentro i Fatti tra Europa e riforme italiane

“La prossima legislatura sarà costituente per salvare l’Europa – ha affermato Arturo Scotto, deputato di SEL – da se stessa, dal rischio di diventare esclusivamente uno spazio economico e finanziario

Qui ed ora

Ronghi (FI): “la vittoria di De Luca è segnata dall’UDC”

“Non c’è dubbio che la vittoria di De Luca sia stata segnata dall’ UDC. De Mita ha vinto queste elezioni”, è quanto afferma Salvatore Ronghi, esponente di Forza Italia e

Qui ed ora

EAV, GALLO (M5S) SCRIVE ALL’ANAC DI CANTONE: GRAVI RITARDI IN ESECUZIONE APPALTI, COSI’ VANNO IN FUMO FONDI EUROPEI E SPERANZE RILANCIO CIRCUMVESUVIANA

“Presto i cittadini si troveranno a pagare la mala gestione dell’Eav. Sono ormai intollerabili i gravissimi ritardi accumulati dalla società nell’esecuzione dei contratti e il rischio è di mandare in

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi