BULLISMO, SONO 616 I CASI NELLE SCUOLE CAMPANE NELL’ANNO SCOLASTICO 2016-2017. IL GARANTE DELL’INFANZIA E ADOLESCENZA:” SONO NUMERI IMPRESSIONANTI CHE CI DEVONO FAR RIFLETTERE SULLA PORTATA DEL FENOMENO”

Sono ben  616 i casi di bullismo avvenuti  nelle scuole campane nell’anno scolastico 2016-2017: questi sono i dati della ricerca “L’incidenza del bullismo nelle scuole della Campania“, voluta dal Garante regionale dell’Infanzia e dell’adolescenza.
Sul campione del 22% sono stati dunque 616 i casi “conclamati” con picchi più alti nelle provincie di Napoli e Caserta. Nello specifico, nella provincia partenopea, sono stati registrati in media 3 casi per scuola, con una eccezione per un istituto comprensivo, dove, invece e purtroppo, sono stati 70 casi. Nella provincia di Caserta, si registra una media di 2,5 casi per scuola.I picchi più alti nelle provincie di Napoli e Caserta. Si discostano da questa media due istituti nei quali si sono manifestati 39 e 90 casi di bullismo. Per il 60% dei docenti, il bullismo incide “molto” sull’andamento dell’attività didattica e sulle relazioni in classe; il resto del campione, ritiene, invece, che “poco” o “abbastanza”.

Il 28% degli insegnanti ha inoltre affermato di non essere in grado di gestire autonomamente situazioni del genere. Il Garante dell’infanzia e adolescenza ha dichiarato che: “Sono numeri impressionanti che ci devono far riflettere sulla portata del fenomeno e mettere in campo strategie efficienti ed efficaci di contrasto perché, se si dovesse fare una proiezione sul 100% delle scuole, i casi sarebbero circa 3mila. Evidentemente  le misure, fin qui adottate, non sono adeguate e mirate ad una drastica riduzione del bullismo nelle nostre scuole. La famiglia è sicuramente l’artefice principale del cambiamento educativo e sociale dei nostri figli. Pertanto dobbiamo pensare e supportare strategie che vedono protagonisti i genitori, poi la scuola e le istituzioni preposte. Non saranno sufficienti le leggi e i regolamenti a ridurre drasticamente il fenomeno se non si opererà sul cambiamento, culturale, educativo, morale ed etico, dell’individuo”, ha concluso.

 

Previous CICLISMO , LE DICHIARAZIONI DEL CT CASSANI :"IL 2018 SARA' LA STAGIONE DI FABIO ARU"
Next VISITA DEL GARANTE DEI DETENUTI SAMUELE CIAMBRIELLO PRESSO LA CASA CIRCONDARIALE DI ARIENZO

L'autore

Può piacerti anche

ultimissime

NAPOLI, DE LUCA E DE MAGISTRIS(TANTI TEMI DISCUSSI): FACCIA A FACCIA SULLA NAVE DELLA GUARDIA COSTIERA

A meno di una settimana dall’incontro istituzionale sul caso Anm a Palazzo Santa Lucia, arriva un altro faccia a faccia tra il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca e il sindaco

Qui ed ora

LE VIGNETTE DI CHARLIE HEBDO? INDIGNARSI? MA ANCHE NO!

Come al solito, la “quotidianità” confonde, distrae, allontana dai problemi profondi di un Paese letteralmente in ginocchio per spostare l’attenzione sui “non problemi”. Anche nella giornata di ieri è successo,

Qui ed ora

Saviano vs de Magistris: “Si specula sui problemi di Napoli”.

Scontro durissimo tra il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris e Roberto Savaino.  Il casus belli è il commento dell’autore di Gomorra dopo il raid che due giorni fa ha

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi