Buona Ex Domenica

Buona ex domenica, perché domenica non è più domenica, ma “giorno 29” da quando il calcio, tutto si è fermato. Non pensavo che avrei potuto rimpiangere l’anticipo Spal-Brescia o un Parma-Samp alle 12 e 30 di quella che fino a poco tempo fa chiamavamo, appunto, domenica. Non so cosa darei, oggi, per poter commentare Bologna- Lecce: accetterei perfino che finisse senza alcun tiro in porta, nonostante Mihajlovic e Liverani amino la proposta più che la risposta. E che belle quelle incazzature dopo Inter-Juve, e quanta vita c’era negli esercizi di ipocrisia e luogocomunismo di tecnici e dirigenti: «Non parlo mai degli arbitri»«torti e favori alla fine si compensano ma, certo, oggi il signor Orsato (o Rocchi o Maresca) ha fatto un disastro e ci ha penalizzato. Andate a rivedere l’azione del rigore, ma quale fallo di mano! Siamo stufi di fare da cavia del Var». Quanta nostalgia delle incazzature ecumeniche di Nicchi o delle battute senza filtro di Capello al Club, frasi che il giorno dopo andavano puntualmente ad arricchire tutti i siti d’Italia.

Buona ex domenica

Quant’era divertente e sano ascoltare gli interventi paracestitici dell’appassionatissimo Lele Adani guardandoci in faccia e domandandoci «ne sa, ma come cazz’ parla?». E i titoli dei giornali, anche i più banali ora sembrano prove d’intelligenza: Vince ma non convince, Bufera a San Siro, Roma-arbitri: è scontro, Comanda la Juve (un must), Ronaldo c’è. E le sfide a distanza Leotta-Ferrari? Ma sì, anche quelle (in verità la Leotta è presentissima sul web, ma in altre svesti). E le telefonate del lunedì degli uffici stampa, gli esperti in (s)comunicazione? «Il tal dirigente (o allenatore) c’è rimasto male per quello che avete scritto. Mi spiace dovervelo dire, ma da domani i vostri cronisti non potranno accedere al centro sportivo. Vedremo nei prossimi giorni, magari se vi comporterete con più rispetto…».

Solo degli episodi di razzismo non sentiamo la mancanza: speriamo anzi che l’abbia annientato il virus – il razzismo – contagiandoci senza distinzione di pelle, lingua, etnia.

Alcuni dicono: fermate il calcio, voglio scendere. Ma scendete voi, noi restiamo sul pullman fino a quando non si arresta per evitare il burrone. Proviamo a fidarci dell’autista, anche perché fuori piove e sono gocce enormi come i debiti. E se qualcuno si accorge che non abbiamo neppure pagato il biglietto, siamo fritti.

Ricordate quel saggio che disse «il calcio è metafora della vita»? Vi regalo un passatempo domenicale, un pensiero, una riflessione: la vita è la metafora del calcio.

Previous Coronavirus: Conte pronto a decreto liquidità, nodo task force riaperture
Next Amgen in prima linea nella sfida al Coronavirus. Parte la ricerca ai ‘super’ anticorpi dei guariti per cure su misura

L'autore

Può piacerti anche

ultimissime

NAPOLI ,KOULIBALY :”ABBIAMO DIMOSTRATO IL NOSTRO VALORE !DAREMO IL MASSIMO IN EUROPA LEAGUE

“Abbiamo dimostrato di poter competere contro chiunque. Usciamo a testa alta e adesso vogliamo dare il massimo in Europa League, vogliamo essere protagonisti e vincere un trofeo quest’anno”. Cosi si

ultimissime

NOMINA COLLEGI ELETTORALI IN CAMPANIA: INCIUCI, POLEMICHE E PROTEZIONISMI

Altro clamoroso errore che riguarda  Napoli, questa volta si tratta dei collegi regionali. La Napoli divisa tra i quartieri alti del  Vomero e la periferia maldestra del quartiere Scampia è

ultimissime

2 giugno, gli auguri del Neo Premier Conte agli italiani: “E’ la festa di noi tutti”

“Il 2 Giugno è la festa di noi tutti, tanti auguri a tutti gli italiani” . Cosi si è espresso il neo premier Giuseppe Conte durante la celebrazione per la festa

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi