Caldo: oggi bollino rosso in 10 città italiane

Ondata di caldo africano in Italia, con temperature in aumento fino a 40 gradi. Oggi saranno dieci le città con bollino rosso: l’allerta scatta a Roma, Bologna, Torino, Firenze, Campobasso, Pescara, Rieti, Frosinone, Bolzano e Perugia. Previsto bel tempo su tutta Italia, con locali rovesci al Nord. Dal 2 agosto torneranno invece i temporali.

L’ondata di caldo, prevista almeno fino a sabato, si spiega con l’afflusso di aria proveniente da Marocco e Algeria che favorisce un generale incremento delle temperature, un po’ a tutte le quote. I valori massimi tenderanno facilmente a salire fino a 35-37 gradi su molte località di pianura da Nord a Sud, fino a sfiorare la soglia dei 40 gradi sulle aree interne di Sicilia e Sardegna, nel Materano e sul Tavoliere delle Puglie, a Cosenza, a Terni e nelle valli comprese tra Roma, Viterbo e Rieti.

Previous Whirpool: entro il 31 ottobre chiuderà lo stabilimento di Napoli
Next Casalnuovo, Nappi: "No a posti e incarichi pubblici per i candidati e i loro parenti"

L'autore

Può piacerti anche

ultimissime

PAPA: ” OGGI MENTRE SUL MONDO SOFFIANO VENTI DI GUERRA, IL NATALE CI RICHIAMA AL SEGNO DEL BAMBINO E A RICONOSCERLO NEI VOLTI DEI BAMBINI, DI QUELLI PER I QUALI NON C’E’ POSTO NELL’ALLOGGIO”

Il Papa nel suo messaggio di Natale, letto dalla loggia delle benedizioni della basilica di San Pietro : “Oggi, mentre sul mondo soffiano venti di guerra e un modello di sviluppo

ultimissime

LA GERMANIA MINACCIA DI ESPELLERE GLI STRANIERI SENZA LAVORO, TRA CUI ANCHE GLI ITALIANI CHE RISCHIANO IL RITORNO IN ITALIA, SULLE ORME DELLA BREXIT

Prima la Brexit e adesso anche la Germania.  Angela Merkel, da sempre sostenitrice in Europa del verbo accogliere che fa rima con il verbo integrare, oggi non la pensa proprio più

ultimissime

Nullo il verbale con l’autovelox senza contestazione immediata sulla strada che non ha le caratteristiche minime dell’arteria «a scorrimento». Deve essere disapplicato dal giudice il decreto del prefetto e annullata la multa nei tratti che non presentano gli elementi dell’articolo 2 del Codice della Strada.

 Ancora una volta la Cassazione bacchetta le amministrazioni che vogliono far cassa a tutti i costi a discapito degli automobilisti ed indirettamente anche i prefetti, troppo spesso “leggeri” nell’individuare i

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi