Calunnia e arresto illegale, condannati 3 carabinieri

Sognavano una ricompensa al valore, un encomio, i tre carabinieri condannati a 9 anni di carcere a testa, dal giudice per le indagini preliminari Santoro, del Tribunale di Napoli Nord.
Per riuscire nell’impresa di ottenere i loro subdoli scopi i tre carabinieri inventarono un falso caso di terrorismo, arrestando un ghanese pur sapendolo innocente. In particolare i veri malviventi in questione, paradossalmente i carabinieri, accusarono l’extracomunitario di custodire armi clandestine palesando l’ipotesi di un suo coinvolgimento in attività terroristiche, premeditando false prove organizzate a tavolino e incolpando successivamente il ghanese.
I carabinieri, all’epoca dei fatti in servizio presso la compagnia dei carabinieri di Giugliano in Campania, ammisero le loro responsabilità durante le indagini.
Sono stati ritenuti colpevoli di arresto illegale, falso ideologico, calunnia, ricettazione, danneggiamento, detenzione e porto illegale di armi clandestine, venendo assolti dall’accusa di rapina.
L’ironia della sorte che dal sogno encomio li ha portati giustamente dove meritano, dietro le sbarre.

Ferdinando Nardone 

Previous Bando per la terza edizione del master di I livello in “Criminologia, Psicopatologia Criminale e Politiche per la Sicurezza Sociale”
Next Cori, riqualificazione di Piazza Signina: i vincitori del Concorso di Idee

L'autore

Può piacerti anche

ultimissime

NAPOLI, IN PIAZZA BELLINI, SCOPPIA UNA LITE PER DROGA

Un giovane gambiano è stato accoltellato  da un turista statunitense nel corso di una colluttazione avvenuta la notte scorsa a Napoli . Secondo quanto ricostruito dalla Polizia, il turista, in

ultimissime

NAPOLI CITTA’ SOLD OUT PER IL PONTE DEL 1 MAGGIO

Napoli e’, praticamente una città sold out, da record infatti risultano tutte occupate le stanze di hotel e bed and breakfast per quello che si annuncia il ponte dei record

ultimissime

Fondi della Lega, indagato l’assessore lombardo Stefano Galli

L’assessore all’Autonomia e alla Cultura della Regione Lombardia, Stefano Bruno Galli, è indagato dalla procura di Genova nell’ambito dell’inchiesta sul presunto riciclaggio di parte dei 49 milioni dei fondi della Lega. Galli, dopo

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi