Camorra, M5S: Escalation di sangue, subito depositerie giudiziarie per sottrarre moto ai killer

“E’ un nuovo bagno di sangue a Napoli. Due morti ammazzati in meno di 48 ore: prima a Ponticelli e poi al rione Sanità. E’la macabra fine delle vacanze estive per i killer della camorra. Un’escalation impressionante. Oggi a mezzogiorno un altro agguato in un rione tra i più intensamente popolati dove si è consumato l’omicidio di Vittorio Vastarella, 43 anni, fratello del boss Giuseppe Vastarella, 42 anni, ucciso lo scorso 22 aprile in un circolo ricreativo sempre alla Sanità. Non è più tollerabile questo clima da guerra permanente nelle strade della terza città d’Italia”. Lo denuncia il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Vincenzo Viglione, segretario della Commissione anticamorra che lancia l’allarme: “Occorre fare presto – spiega – rilevo troppe chiacchiere e pochi fatti cominciando dal Ministero dell’Interno”. “Come Commissione anticamorra, organismo del Consiglio regionale della Campania – sottolinea Viglione – proporrò immediatamente una serie di audizioni presso la Prefettura, Procura, Questura e comando dei Carabinieri”. “Vogliamo capire come poter dare una mano per rompere questo odioso immobilismo istituzionale – prosegue – che con il trascorrere dei giorni somiglia al girare lo sguardo da un’altra parte”. “Come Movimento 5 Stelle – aggiunge – siamo intervenuti con una denuncia forte sulla vicenda delle depositerie giudiziarie che guarda caso puntualmente vengono date alle fiamme proprio nei mesi estivi”. “Vogliamo capire se la Regione Campania può nell’immediato – propone Viglione – mettere a disposizione delle aree da destinare a luogo per il deposito giudiziario di moto e scooter”. “I due fatti di sangue registrati in queste ore a Napoli – fa notare – hanno come in tanti altri omicidi un filo che li unisce: i killer si muovono sempre e solo su mezzi a due ruote”. “Le forze dell’ordine hanno bisogno di strumenti di contrasto – continua – i sistematici incendi delle depositerie non consentono un’azione fondamentale: il sequestro delle moto dei camorristi”. “Questa è una priorità fondamentale – conclude Viglione – che insieme all’ascolto dei territori e degli attori impegnati nella lotta ai clan deve coinvolgere le istituzioni e anche la Regione Campania”.

Previous CALCIOMERCATO NAPOLI : E’ FATTA PER MAKSIMOVIC .
Next RENZI:"I NUMERI,COME STAVAMO PRIMA DEL NOSTRO GOVERNO,COME STIAMO ADESSO."

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

Gli sport virtuali, presenti alle Olimpiadi del 2024

Gli sport virtuali, presenti alle Olimpiadi del 2024, sbarcano sulla tv generalista per fare concorrenza a quelli ‘veri’. Negli Usa la rete Espn ha annunciato che trasmetterà il prossimo 27

Approfondimenti

Tortura: l’Italia non può più aspettare. Il 13 ottobre in piazza per il reato

A dicembre saranno 28 anni che l’Italia aspetta l’introduzione del reato di tortura nel proprio codice penale. Tanti ne sono passati da quando il nostro Paese ha ratificato la Convenzione

Approfondimenti

Ma perché far festa in due, quando si può farla in tre?

Per mesi il Coronavirus ha portato i genitori a una convivenza forzata h24 con i propri figli. Di questi la quasi totalità è stata rappresentata da madri che hanno (avuto)

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi