Campania e Napoli: la primavera dei turisti

La Campania e la sua splendida capitale partenopea tornano a far parlare di sé. Questa volta a far da protagonista sulle prime pagine dei quotidiani non sono i cumoli di rifiuti agli angoli delle strade e nemmeno episodi di criminalità. Ebbene sì, la notizia dell’ultima ora è l’incremento del turismo che si è registrato per le vacanze pasquali in tutta la Campania, finito il lungo week end, infatti, si sono iniziate a tirare le somme e quest’anno sono più che positive. La regione campana con le sue innumerevoli attrazioni è tornata ad accogliere migliaia di visitatori, il turismo che negli ultimi anni aveva subito gli effetti della crisi, finalmente ha iniziato a registrare ottimi dati. Per citarne alcuni, basti pensare al rapporto stillato dalla Federalberghi per la città di Napoli, dove si legge che l’80% delle camere d’albergo la giornata di sabato era occupato, la domenica di pasqua, invece, l’84%, il 5 % in più rispetto allo scorso anno. Non sono dati che stupiscono, negli scorsi giorni, infatti, le strade del centro storico erano colme di stranieri, che hanno scelto di visitare gli antichi monumenti e lo splendido lungomare del capoluogo napoletano. Anche le previsioni per i prossimi week end di ponte, quello del 25 aprile e del 1 maggio sono più che soddisfacenti, numerose sono le prenotazioni già effettuate e se ne prevedono molte ancora, inoltre pare che i pernottamenti rispetto all’anno scorso si siano allungati. Da questi primi dati, sembrerebbe quindi che i turisti abbiano scelto di rimanere più a lungo nella capitale partenopea per apprezzare così tutte le splendide attrazioni del territorio.

Un incremento strabiliante delle visite si è registrato, come si è detto, in tutta la Campania, Pompei da giovedì a lunedì ha ospitato ben 45.000 visitatori, un vero record se si pensa a quanto ultimamente il famoso sito archeologico abbia fatto discutere per la sua scarsa manutenzione. Il parco del Vesuvio ha raggiunto un ottimo risultato il suo splendido panorama naturale in questo week end pasquale è stato visitato da 12.734 persone, un numero eccezionale se paragonato a quello del 2013 che era solo di 4.643 visitatori.
Anche le isole di Ischia e Capri sono state invase negli ultimi giorni, non sono stati solo i cittadini campani a scegliere di trascorrere al mare le vacanze pasquali, migliaia di turisti le hanno preferite per le loro vacanze. La Campania, quindi, pare che sia stata eletta da migliaia di turisti per trascorrere qualche giorno di vacanza in primavera.

Perfino Angela Merkel ha deciso di trascorrere qualche giorno qui. La Cancelliera tedesca, che da anni passa le sue vacanze nell’isola di Ischia, quest’anno oltre la permanenza ischitana, ha aggiunto alcune tappe campane al suo tour pasquale e negli scorsi giorni ha visitato gli scavi di Pompei, il centro di Napoli il San Carlo e infine Pozzuoli e pare ne è rimasta affascinata.

Un territorio, come quello campano colmo di luoghi da scoprire, ricco di chiese e monumenti da visitare, cibi da assaporare, con una cultura e un folclore così affascinante, deve trovare la sua rinascita nel turismo, e visti i recenti dati si può essere ottimisti e sperare che questa regione torni finalmente a risplendere per le sue bellezze.

Previous Il “disastro” delle società pubbliche in house providing
Next Briciole dalla tavola pasquale

L'autore

Può piacerti anche

Cultura

TERMINATO IL RESTAURO DEL CARTONE DI RAFFAELLO

E’ finito il lungo restauro del monumentale cartone preparatorio della Scuola di Atene di Raffaello Sanzio che il maestro realizzò in carboncino e olio in preparazione dell’affresco della Stanza della

Cultura

#IOLEGGOPERCHÉ. Arrivano le giornate di raccolta dei libri a sostegno delle biblioteche scolastiche e di quelle di lettura nelle scuole

Anche quest’anno l’Istituto Comprensivo “Cesare Chiominto” e la biblioteca comunale di Cori (LT) “Elio Filippo Accrocca”, con il patrocinio del Comune di Cori, aderiscono al progetto #ioleggoperché, la più grande campagna

Cultura

Una mostra superstar, Da Caravaggio a Bernini: Il trionfo del Seicento napoletano

E’ dedicata alle relazioni artistiche tra Spagna e Italia nel XVII secolo la mostra che, alle Scuderie del Quirinale, si potrà ammirare fino al 30 luglio. Relazioni che nacquero nel

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi