Canone Rai in bolletta, martedì Tar decide su ricorso Codacons

Martedì prossimo, 2 agosto, la II sezione ter del Tar Lazio deciderà sulla legittimità dell’inserimento del canone Rai in bolletta. Lo rende noto il Codacons. Dopo aver avviato “una dura battaglia contro la decisione del Governo di imporre il pagamento del canone attraverso la bolletta della luce”, l’associazione dei consumatori si è rivolta al Tar del Lazio chiedendo la sospensione del decreto del Ministero dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministero dell’Economia e delle Finanze, del 13 maggio 2016, che contiene la misura relativa al canone.

“Il canone Rai è imposta legata al semplice possesso di un apparecchio abilitato alla ricezione del segnale televisivo”, scrive il Codacons nel ricorso in cui fa riferimento alla sentenza della Consulta del 2002.

 “La Corte ha, inoltre, chiarito come non sussiste alcuna relazione diretta tra le entrate che derivano dal canone e quelle che poi vengono effettivamente destinate alle reti Rai, dal momento che il maggiore beneficiario dell’imposta non è la Rai, bensì lo Stato e soltanto una parte viene riservata al finanziamento della televisione pubblica”, sottolinea il Codacons.

Dunque, a giudizio del Codacons “risulterebbe persino erroneo qualificare come canone o abbonamento l’importo versato non integrando quest’ultimo il corrispettivo di un servizio ma dovendosi più propriamente parlare di imposta sul possesso della televisione”.

Ciò premesso “in merito alla corretta qualificazione dell’entrata per lo Stato, è ancor più evidente l’illogicità di un sistema – com’è quello varato dalla Legge di Stabilità 2016 e regolato dal provvedimento impugnato, che snatura l’imposta, vincolandone il pagamento al pagamento della bolletta elettrica”, sottolinea l’associazione per cui “appare illegittimo pretendere il pagamento del canone con una bolletta destinata a coprire il costo di un servizio divisibile”.

Rileva ancora il Codacons: “Un soggetto privato (l’impresa fornitrice di energia elettrica) si sostituisce allo Stato per l’incasso di un importo che rimane di spettanza Erariale: i fornitori di energia non possono trasformarsi in esattori per recuperare il canone Rai. È un compito che non gli compete”. Se il Tar accoglierà la richiesta e sospenderà l’inserimento del canone in bolletta, spiega il presidente Carlo Rienzi, “le aziende elettriche dovranno restituire agli utenti i 70 euro della prima rata scattata nei giorni scorsi”.

Previous Cannabis, i volontari informano, il Parlamento rimanda
Next 90'ANNI DI STORIA DELLA SOCIETA' PARTENOPEA,CE' IL RISCHIO FLOP.ECCO LA STORIA AZZURRA.

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

Napoli: nuovo caso di formiche all’ospedale San Giovanni Bosco di Napoli

Nuovo avvistamento di formiche all’ospedale San Giovanni Bosco di Napoli. Questa volta, dopo i tre casi precedenti, i piccoli insetti sono stati avvistati nel reparto di rianimazione. E il direttore

Qui ed ora

Mondragone. De Luca:”risolto, dopo 14 giorni nuovi tamponi”

“Abbiamo affrontato il focolaio di Mondragone con rigore e tempestività, abbiamo fatto i tamponi a tutti gli abitanti delle palazzine ex Cirio, sia italiani sia bulgari e persone di varia

Qui ed ora

ELEZIONI 2018, L’APPELLO DI MATTARELLA AD AVERE RESPONSABILITA’. SALVINI: ” HA RAGIONE MATTARELLA. GLI INTERESSI DEL PAESE E DEGLI ITALIANI VENGONO PRIMA “

“Bisogna tutti avere senso di responsabilità e pensare al bene generale dei cittadini“. Lo ha dichiarato il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ad una cerimonia al Quirinale . “Abbiamo ancora

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi