Cantieri fermi sono 600, valgono 36 miliardi

Le opere bloccate tra piccoli e grandi cantieri sono oltre 600, per un valore di 36 miliardi, che diventano 125 calcolando le ricadute sull’intero sistema economico nazionale. E’ quanto si legge in uno studio della Filca Cisl. Se ripartissero tutti l’impatto sull’occupazione sarebbe di circa 350 mila posti di lavoro. Il settore delle costruzioni dall’inizio della crisi ad oggi ha perso 620mila posti di lavoro. Nello stesso periodo sono “scomparse” 120 mila aziende. Il valore dell’edilizia nel Pil nazionale è passato dall’11,5% del 2008 all’8% attuale. Nello stesso periodo il valore delle costruzioni nel Pil è crollato dal 29% al 17%. “La Tav va fatta”, dice il segretario generale della Filca Cisl, Franco Turri, “senza siamo fuori dall’Europa”.

Previous Matteo Salvini a Canale 21 “ Basta con De Luca e De Magistris. In Campania con la Lega “
Next Da sbadiglio a orango, 230 nuove emoji

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

Fondi strutturali e fondo di coesione

I Fondi strutturali e il Fondo di coesione costituiscono gli strumenti finanziari della politica regionale dell’Unione europea (UE) il cui scopo consiste nell’equiparare i diversi livelli di sviluppo tra le

Economia e Welfare

Lidl Italia ha annunciato l’obiettivo di “ridurre del 20% l’utilizzo di plastica entro il 2025”.

Di recente, ricorda l’azienda, Lidl Italia ha annunciato l’obiettivo di “ridurre del 20% l’utilizzo di plastica entro il 2025”. Bicchieri, piatti e posate monouso saranno prodotti in materiali alternativi o

Economia e Welfare

FRAGOLE E FRUTTI DI BOSCO NEL CARCERE DI SECONDIGLIANO

Le scriviamo da parte di Vincenzo Vanacore, presidente della Società Cooperativa Sociale L’Uomo e il Legno, per segnalarLe le attività di “campoAperto“, un’impresa agricola sociale nata all’interno del carcere di

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi