Capone & BungtBangt:il nuovo spettacolo teatrale “Arrevuoto”.

Il 9 Maggio scorso Maurizio Capone ha ritirato il “Premio Felicia e Peppino Impastato”, con lui il Sindaco di Riace Mimmo Lucano.
“E’ un riconoscimento molto importante per me e ha duplice valore a fronte del fatto che non è espressione politica” – dichiara Capone. “Non dimentico che l’origine di questo premio è un dramma, l’assassinio mafioso di Peppino, e che oggi rappresenta la voglia di riscatto di una società che vuole reagire e andare avanti. Un premio “indipendente” che non appartiene alle lobby facendomi continuare a credere nell’autonomia del mio pensiero, aspetto che da anni mi caratterizza.” 

Prossimi concerti :

27 maggio Carcere di Secondigliano  progetto Gli Ultimi Saranno, il tour nelle carceri italiane.
05 giugno Campoleone, Aprilia (LT) – Mondezza Day (in full band)
08 giugno Palomonte (SA) – Storie di Terra e Umanità (in full band)
09 giugno Sassano (SA)  Valle delle Orchidee (in full band)
10 giugno Arienzo (CE) – Casa Circondariale –  progetto Gli Ultimi Saranno, il tour nelle carceri italiane.
13 giugno Vico Equense (Na), Meeting del CSV
24 giugno Carcere di Pozzuoli – progetto Gli Ultimi Saranno, il tour nelle carceri italiane.
10 luglio Cortile di Palazzo RealeNapoli spettacolo “Strativari” con Solis String Quartet e Iaia Forte (in full band).

Capone & BungtBangt protagonisti al Napoli Teatro Festival 2019 con lo spettacolo “Strativari”
https://www.napoliteatrofestival.it/spettacolo/strativari/
Uno spettacolo che vuole mettere a fuoco l’immagine di una Napoli multiforme: «Vista dall’alto la città sembra una sola. Ma al viaggiatore che decida di calarsi nelle sue viscere, per attraversarla, Napoli rivela i molti strati che la compongono, sovrapposti e percepibili nella loro specificità affascinante, eppure indissolubilmente legati in un intreccio di colori, di odori, di suoni; di anime.

MAURIZIO CAPONE e ARREVUOTO
Arrevuoto è il progetto teatrale ideato da Roberta Carlotto, e curato da Maurizio Braucci, giunto al suo quattordicesimo movimento. Singolare e innovativa occasione di incontro degli adolescenti e dei giovani con il mondo del teatro, i suoi linguaggi, le sue possibilità di comunicazione, il suo potere formativo. Il progetto è prodotto fin dalla sua prima edizione dal Teatro Stabile di Napoli. Maurizio Capone ne cura la parte musicale, in collaborazione con Annalisa D’Amato e Antonin Stahly, e a giugno contribuirà a presentare il progetto didattico dedicato all’integrazione sociale. Un workshop di teatro e pedagogia con la direzione artistica di Maurizio Braucci e le scenografie degli street artist cyop&kaf. Il coordinamento pedagogico è affidato all’associazione di promozione sociale Chi rom e…chi no.
Il laboratorio si tiene settimanalmente al Museo Madre e include ragazzi dai 14 ai 18 anni in un percorso performativo gratuito prodotto dalla Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee. L’opera scelta per l’Arrevuoto del Museo Madre è La caccia allo Snark di Lewis Carroll, “visionaria narrazione” della ricerca di un mostro a metà tra squalo e serpente, in un mondo fantastico dove l’identità diventa invenzione e la caccia una rincorsa verso se stessi, secondo il gioco speculare e immaginifico dell’arte. Con lo Snark (e per lo Snark) gli spazi del Museo Madre e i loro allestimenti diventano scenografie e paesaggi avventuroso dello spettacolo finale.

IL NUOVO VIDEO SINGOLO
Riaccendere la memoria per illuminare il presente, questo è lo spunto creativo che ha dato vita a WhiteBlack il nuovo brano e video di Capone & BungtBangt.
Dedicato ai nostri nonni, forse per alcuni bis-nonni, che emigrarono dall’Italia negli anni in cui la fame li spinse a cercare fortuna oltreoceano.
“Il titolo della canzone è preso da uno dei tanti nomignoli utilizzati per offenderli, chiamandoli “bianchi neri” venivano associati agli ex schiavi africani. Uno spunto per riflettere sull’assurdo atteggiamento di chiusura e disprezzo verso gli odierni migranti e su come, in modo inspiegabile, cambiano le valutazioni e la percezione dei problemi quando riguardano gli altri

[dichiara Maurizio Capone].
In stile old school rap il brano è stato prodotto in collaborazione con D-Ross (Luché, Fabri Fibra, Marracash, Gué Pequeno, Franco Ricciardi).
La maggior parte dei suoni sono generati da oggetti che si trovavano all’interno dello studio durante le registrazioni. La porta dello studio stesso diventa rullante, il bracciolo della poltrona, le bottigliette del caffè da asporto riciclate e naturalmente la strumentazione tipica della band come la scopa elettrica, lo scatolophon, la buatteria, solo per citarne alcuni.  Un sound che si fonde con la voce di Capone che scrive un testo in italiano, napoletano ed inglese carico di ironia e sarcasmo.
Capone & BungtBangt leggono le moderne contraddizioni e colgono come sempre l’occasione per suggerire con la loro musica un modo di pensare aperto e senza discriminazioni con un linguaggio attuale ed una strumentazione innovativa.

Ascolta WhiteBlack su Spotify
https://open.spotify.com/track/16bBqx9Y97Gqdpqpwlcd1E?si=WmjSHYQMQCuGCxdca67F3g

Previous Gli agrumi, la nuova tendenza dei profumi da donna
Next MANCANO POCHI GIORNI ALLA SCADENZA DEL BANDO DEL PREMIO ANDREA PARODI, L'UNICO CONTEST ITALIANO DI WORLD MUSIC LE FINALI A CAGLIARI DAL 10 AL 12 OTTOBRE

L'autore

Può piacerti anche

Cultura

Riforma dei Beni Culturali. La Reggia di Caserta avrà piena autonomia gestionale

«E’ un cambiamento profondo». Queste le parole del ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, #DarioFranceschini, nel presentare il decreto di riorganizzazione del #Mibact, approvato dal Consiglio

Cultura

PIZZIAMOCI UN LIBRO: IL 26 APRILE AL TRIANON C’E’ IL LUNGOMARE DI PIETRO TRECCAGNOLI

Continua con successo l’iniziativa Pizziamoci un Libro, che vede unite in una solida collaborazione la storica Pizzeria Trianon da Ciro di Napoli e la Rogiosi Editore. Il secondo appuntamento è

Cultura

MOSTRA INTERNAZIONALE D’ARTE CINEMATOGRAFICA: UN TRIPUDIO DI COLORI, IL RACCONTO DELL’ AMORE VINCE INSIEME AL MISTERO

Un Lido blindato dalla paura di attentati ,alla Mostra Internazionale d’Arte Cinatografica Neppure i temi di migrazione e ambiente toccano troppo il cuore dei giurati e, alla fine, vince il

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi