Carcere di Poggioreale, Ciambriello: chiusi oggi due progetti dell’Ass. “La Mansarda” con la testimonianza dell’attore napoletano Salvatore Striano.

Si sono conclusi oggi, all’interno del carcere di Poggioreale, i progetti, iniziati ad ottobre 2018, ideati e strutturati dall’associazione “La Mansarda” guidata dal presidente Samuele Ciambriello, destinati ad alcuni detenuti del padiglione Firenze e del padiglione Genova.

I progetti, dal titolo “condividendo” e “ri-esco”, sono stati portati avanti nel tempo dalle volontarie dell’associazione, ente che dalla fine degli anni ‘80 opera negli istituti penitenziari campani. Con i due progetti si è lavorato sulle emozioni dei detenuti, sull’analisi ed il confronto di sensazioni ed idee, attraverso l’aiuto di testi letterali e corti cinematografici. Questo ultimo incontro ha visto la partecipazione dell’attore napoletano Salvatore Striano.

“L’associazione “La Mansarda” all’interno del carcere di Poggioreale opera gratuitamente da diversi anni, nei diversi padiglioni, con professioniste che attraverso i loro progetti fungono da ponte, da zattera per i “diversamente liberi”. Ci sentiamo, nello svolgere questa funzione, come coloro che creano relazioni umane finalizzate a valorizzare il tempo passato in carcere”, ha dichiarato Samuele Ciambriello, attuale Garante dei Detenuti della Regione Campania.
Emozionante la testimonianza di riscatto che ha tenuto l’attore napoletano Salvatore Striano che ha raccontato dei suoi trascorsi nelle carceri di Nisida, Poggioreale, Santa Maria Capua Vetere e Rebibbia e della sua nuova vita come attore di cinema e di teatro e testimone di legalità.
“Una bella ed emozionante esperienza-l’ha definita l’attore napoletano Salvatore Striano- a cui avrei voluto dedicare personalmente più tempo. Ho spronato i detenuti, attraverso la mia personale testimonianza, a riprendersi in mano la propria vita, anche utilizzando l’arte e la cultura come mezzo. Da oltre 10 anni partecipo o organizzo iniziative come quella di stamane nelle scuole o nei penitenziari, ponendomi non come “vip” ma come “artista socialmente utile”. L’appello che faccio ai miei colleghi è quello di avvicinarsi a questi mondi, affinché attraverso il cinema ed il teatro si possa evitare che la scuola sia vista come un carcere e provare a far si che i carceri diventino sempre più scuola”, ha concluso Striano.

Previous "LEONARDO DA VINCI. LA SCIENZA PRIMA DELLA SCIENZA", LA MOSTRA CHE CELEBRA IL GENIO POLIEDRICO ESPOSTA ALLE SCUDERIE DEL QUIRINALE
Next Via libera al Registro tumori ma ora più soldi sulla Sanità

L'autore

Può piacerti anche

ultimissime

Assemblea nazionale del PD: Martina si dimette, Renzi diserta. Avviata la fase congressuale.La consigliera regionale Tarasconi:”Ritiratevi tutti, liberate il PD.”

Maurizio Martina ha fatto anche autocritica sul ruolo del partito in questi mesi di opposizione: “Tutti avvertiamo l’insufficienza del lavoro fatto sin qui”. Più tardi ha risposto a una domanda

ultimissime

Paestum apre, per la prima volta, al pubblico i suoi depositi con l’iniziativa “Dal buio alla luce”

Da domani fino  al 18 novembre 2018,  il museo di Paestum riapre le porte dei depositi con l’iniziativa “Dal buio alla luce”,  per scoprire il dietro le quinte di un

ultimissime

IL MINISTRO ORLANDO:”NON MI PIACE LA SOLUZIONE AMBIGUA INDIVIDUATA, DI DIMISSIONI NON DIMISSIONI DI RENZI.”

  di Andrea Orlando Di fronte alla sconfitta più grave della storia della sinistra italiana del dopoguerra mi sarei aspettato una piena assunzione di responsabilità da parte di un segretario

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi