CARCERI ITALIANE, DETENUTI: 2/3 HANNO ALMENO UNA MALATTIA

Una percentuale incredibile sulla quale bisogna assolutamente riflettere per comprendere le condizioni delle carceri italiane: ben 2/3 dei detenuti hanno almeno una malattia.

Le più comuni patologie sono quelle infettive, che colpiscono il 48% di loro. Seguite da disturbi psichiatrici (32%), malattie muscolo-scheletriche (17%), malattie cardiovascolari (16%), metaboliche (11%) e dermatologiche (10%).

L’unica buona notizia è che il numero dei detenuti affetti da HIV è in diminuzione.

Inoltre, oltre l’80% della popolazione carceraria sieropositivo è sotto trattamento antivirale con buona efficacia. Oltre il 73% dei detenuti trattati, infatti, ha dimostrato una carica virale sotto le 50 copie: un ottimo risultato soprattutto considerando l’ambiente in cui vivono.

Sono solo alcuni, forse i più eclatanti dati emersi a seguito di un sondaggio presentato durante il Congresso Nazionale della Società Italiana di Medicina e Sanità Penitenziaria (SIMSP) per la tutela delle condizioni di salute dei detenuti italiani che si è tenuto a Cagliari, dal 3 al 5 giugno 2015. Cifre che fanno emergere ancora una volta l’urgente necessità d’interventi legislativi a tutela della dignità di persone e del rispetto dei diritti umani, quale quello alla salute sancito dalla Nostra Costituzione, ciò indipendentemente dal fatto che spesso chi si trova in carcere è in attesa di giudizio.

Previous TORNA L'IMPROTEATRO FESTIVAL
Next IL NAPOLI A SARRI. DE LAURENTIS: "CI VUOLE CORAGGIO!"

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

Coronavirus: approvato il decreto a sostegno dell’economia nelle zone colpite dal virus

“Il Cdm ha approvato il decreto urgente a sostegno dell’economia nelle zone colpite dal Coronavirus – ha annunciato su Facebook il Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio, Riccardo Fraccaro –. Abbiamo subito messo

Economia e Welfare

Bce, prolungato fino a giugno 2021 il Qe pandemico: altri 600 miliardi. Lagarde: “Nel II trimestre crollo senza precedenti”

La Banca centrale europea ha deciso di estendere il suo Qe pandemico (il Programma di acquisti legato all’emergenza coronavirus), in scadenza a fine anno, fino a giugno 2021. La notizia è stata data al

Economia e Welfare

ORDINE DEI GIORNALISTI, D’AMELIO: “L’IMPEGNO DI CONSIGLIO E GIUNTA PER L’AFFERMAZIONE DI UN LINGUAGGIO DI GENERE CHE PORTI AL SUPERAMENTO DEGLI STEREOTIPI”

“Un protocollo firmato con Ordine dei Giornalisti, consigliera di parità della Campania e con l’impegno del Consiglio regionale e della Giunta, credo sia un messaggio importante per l’affermazione di un

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi