Carceri: Verini (Pd),bomba sanitaria,si rafforzi vertice dap

”Nelle carceri ci sono quasi 10 mila detenuti piu’ della capienza. Una bomba sanitaria”. Lo ha dichiarato Walter Verini, responsabile Giustizia Pd, che poi ha aggiunto: ”In questo momento non chiediamo dimissioni pero’ ci permettiamo un suggerimento: rafforzare il vertice del Dap, ce n’e’ bisogno, e si ricopra quel ruolo di vicedirettore che manca da tempo”. ”Si brucino, dunque, le tappe per avere i braccialetti elettronici – ha spiegato – Ma si faccia in modo in sede di conversione del decreto che gli autori di gravi reati restino in carcere ma quelli con buona condotta, o a cui mancano pochi mesi, o che gia’ escono per lavorare, restino comunque ai domiciliari. E poi basta a chi vuole spaventare la gente sparlando di svuota carceri, non e’ cosi’. Inoltre, avanti con piu’ telefonate e piu’ collegamenti skype dei detenuti con le loro famiglie, meno tensione significa maggiore sicurezza. E’ il tempo di accelerare, di lavorare, di non fare polemiche”.

Risultato immagini per alfredo bazoli

Anche per Alfredo Bazoli, capogruppo Pd in commissione Giustizia, ”c’e’ una grande preoccupazione, legata al rischio di contagio da coronavirus, che accomuna tutti i detenuti e tutti gli operatori negli istituti di pena”.

Previous DANTEDÌ, LA PRIMA EDIZIONE CON LETTURE SOCIAL DEL SOMMO POETA
Next Conte: "Stiamo combattendo un nemico invisibile e insidioso che entra nelle nostre case, saremo all'altezza? La storia ci giudicherà"

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

BENEVENTO : RICOVERATO L’ATTORE ROBERTO AZZURRO , ACCOLTELLATO ALLA GOLA

È ricoverato  il 53 enne attore e regista napoletano Roberto Azzurro, trovato sulla statale Telesina con gravi ferite alla gola e in altre parti del corpo.Per l’aggressione è stato fermato,

Qui ed ora

Comune di Napoli: quando arriva la svolta?

Grande fermento al palazzo del Consiglio Comunale di Napoli, dove si è dovuta tenere una sezione straordinaria per approvare il rendiconto del 2013. Rendiconto, che grazie a un ricorso presentato

Qui ed ora

Siria. Il dono di un futuro nel Natale di Aleppo, il primo senza guerra dopo sei anni

«Torniamo a respirare, finalmente». Tira un sospiro di sollievo, padre Firas Lutfi, rettore del collegio Terre Sainte, e poi continua a raccontare della sua Aleppo che fiduciosa aspetta la pace.

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi