CASERTA: AL CASTELLO DUCALE DI SESSA AURUNCA VA IN SCENA LA SETTIMA MOSTRA D’ARTE DI PRESEPI

Fino al 6 gennaio 2018, il Castello Ducale di Sessa Aurunca, in provincia di Caserta, ospiterà la 7ª Mostra d’Arte Presepiale, organizzata dall’Associazione “Amici del Presepe” di Sessa Aurunca, in collaborazione con l’Associazione Turistica “Pro Loco” Sessa Aurunca e con il patrocinio del Comune di Sessa Aurunca.

La mostra d’arte presepiale, che rientra tra le iniziative previste per l’evento “Natale al Castello”, promosso dall’Amministrazione Comunale per tutto il periodo natalizio, è composta da presepi tradizionali e artistici, più un’esposizione straordinaria di un’opera del “maestro presepista” Marco Ferrigno da San Gregorio Armeno.

L’esposizione sarà aperta dalle ore 9:00 alle 12:00 e dalle ore 17:00 alle 19:00, ad esclusione di domenica 24 dicembre (Vigilia di Natale) e di domenica 31 dicembre (Vigilia di Capodanno), che sarà aperta solo di mattina dalle ore 9:00 alle 12:00. L’ingresso è libero e gratuito.

La Mostra d’Arte Presepiale a Sessa Aurunca

Previous GENTILONI :"E' IMPORTANTE CHE LA SPINTA ECOLOGISTA SCENDA IN CAMPO"
Next Un San Girolamo di Ribera di straordinario impatto visivo

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

AL MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE NASCE “IL NAPOLI NEL MITO”,MOSTRA DEDICATA ALLA STORIA DEL NAPOLI CALCIO !

Il Napoli diventa “ARTE” in campo che fuori! Infatti ,al Museo Archeologico Nazionale di Napoli, è nata “Il Napoli nel Mito” – Storie, Campioni e Trofei mai visti al Mann” ,

Officina delle idee

UN ELEFANTE SCAPPA DAL CIRCO E SI BUTTA FRA LE ACQUE DI SANTA MARIA DEL CEDRO

Il caldo, è sentito molto  anche dagli elefanti. Accade  in Calabria, a Santa Maria del Cedro, nel cosentino, dove un elefante è sceso in spiaggia facendo il bagno tra lo

Officina delle idee

TERRA DEI FUOCHI E TUMORI. NELLE PROVINCE DI NAPOLI E CASERTA LA MORTALITA’ GENERALE E’ IN ECCESSO

Fanno rabbrividire i dati contenuti nel rapporto dell’Istituto Superiore della Sanità in merito alla situazione dei 55 comuni campani disgraziatamente noti come “Terra dei fuochi” a causa dello smaltimento illegale

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi