CASERTA: IL “FESTIVAL DEGLI ANTICHI SUONI” VA IN SCENA PER UN RICCO WEEKEND DI MUSICA A MACERATA

Il  “Festival dei Suoni Antichi”, in programma da venerdì 15 a domenica 17 settembre va in scena  a Macerata Campania.

Un ricco programma quello che accompagnerà l’intero week end in questo angolo della provincia di Caserta dove,  si alterneranno tanti gruppi e diverse espressioni della musica popolare campana.

Location dell’evento saranno l’area mercato di via Martiri di Cefalonia e la Villa Comunale di Corso Umberto I. Qui, durante tutta la durata dell’evento, si alterneranno food truck, stand enogastronomici e di artigianato, stage di cultura folk, ma soprattutto concerti e performance musicali, con canti d’amore, di lavoro, pizziche e tarantelle.Tutte le serate saranno aperte dal gruppo “I Bottari dei Suoni Antichi”.I suoni dei Bottari, i ritmi incalzanti delle tammorre, gli spettacoli musicali e le sfilate danzanti, tutto questo a Macerata.

A Macerata Campania il Festival dei Suoni Antichi

Previous SCAVI DI POMPEI: INAUGURATA LA MOSTRA "TESORI SOTTO I LAPILLI", DOVE POTER AMMIRARE GLI ARREDI, LE PITTURE CHE RIVESTONO LE PARETI, GLI OGGETTI PREZIOSI DEI POMPEIANI
Next CHAMPIONS LEAGUE , NAPOLI : ULTIMO ALLENAMENTO PRIMA DELLA PARTENZA PER L'UCRAINA !

L'autore

Può piacerti anche

ultimissime

MARCELLO PERA:”Io voto SI al Referendum per rendere il funzionamento della Repubblica più efficiente, più snello, più simile a quello medio europeo.”

  L’opinione di Marcello Pera, ex presidente del Senato Qualche tempo fa, la ministra Maria Elena Boschi ha dichiarato che, se avesse potuto scriverlo lei personalmente, il testo della riforma

Officina delle idee

Dentro i fatti arriva dentro la scuola

Dentro i fatti, la trasmissione condotta da Samuele Ciambriello in onda tutti i lunedì sulle frequenze di Radio Club 91, è ripartita con grinta per questa nuova stagione, porgendo alle

ultimissime

RENZI:”TERREMOTO,LE COSE DA FARE SONO DIFFICILI,MA CHIARE.RICOSTRUIREMO TUTTO,RICOSTRUIREMO TUTTI INSIEME.”

di Matteo Renzi L’anima dell’Italia è inquieta. Il terremoto più forte dai tempi dell’Irpinia, dal 1980, ha devastato il cuore della nostra Penisola. Non ci sono morti, stavolta. E questa

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi